Douglas Costa sputo ed espulsione in Juventus-Sassuolo, Allegri tuona: “Non doveva accadere”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Juventus-Sassuolo, Douglas Costa rovina la festa di Cristiano Ronaldo. La squadra bianconera di mister Max Allegri batte il Sassuolo 2-1 e conquista la quarta vittoria su quattro partite, dimostrandosi la padrona assoluta della Serie A. Dopo un primo tempo conclusosi a reti inviolate, al cinquantesimo minuto è arrivata la tanto attesa prima rete di Cristiano Ronaldo su errore clamoroso del difensore degli emiliani Ferrari. Il pallone d’oro portoghese ha poi replicato al sessantacinquesimo minuto con un sinistro incrociato che gli è valso la prima doppietta nel nostro campionato. La grande giornata di Cristiano Ronaldo è stata però in parte rovinata dall’incredibile espulsione di Douglas Costa nei minuti di recupero. Il calciatore brasiliano, entrato nella ripresa al posto di Mandzukic, è stato mandato via dal terreno di gioco dall’arbitro Chiffi in seguito all’intervento del Var.

La follia di Douglas Costa, si va verso una lunga squalifica. 
Il gesto del calciatore brasiliano è stato davvero incomprensibile. Douglas Costa ha perso la testa nei minuti finali di Juventus-Sassuolo e si è reso protagonista di una gomitata, un tentativo di testata e uno sputo nei confronti di Di Francesco. In un primo momento l’arbitro Chiffi lo ha solamente ammonito, ma successivamente è stato corretto dal Var per decretare un rosso sacrosanto. Ora Douglas Costa rischia almeno tre giornate di squalifica per condotta violenta e molto probabilmente sarà costretto a saltare anche il big match contro il Napoli.

Questo il commento di Allegri a fine partita: “Ha subito prima un fallo. Non bisogna cadere nelle provocazioni. La gara era chiusa, bisognava fare il terzo gol ma abbiamo cominciato a giocare singolarmente e questo non va bene. Chi perde poi fa entrate e si innervosisce.  ma questi sono episodi che non devono accadere. Non dobbiamo cadere nelle provocazioni.”

  •   
  •  
  •  
  •