Paolo Maldini squalificato per insulti all’arbitro in Milan-Chievo Primavera

Pubblicato il autore: Alessandro Treccani Segui

Paolo Maldini – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Paolo Maldini e Andrea Conti squalificati per insulti all’arbitro, in occasione del match del campionato Primavera 1 tra Chievo e Milan, terminato 0-2 per i Veneti.

Sembra strano leggendo il comunicato.
Paolo Maldini? Quel Paolo Maldini? Lo storico capitano del Milan, noto per essere sempre stato un signore dentro e fuori dal campo? Dev’essere successo qualcosa di strano.

Ma andiamo con ordine. Due novembre 2018, campionato Primavera 1, Milan-Chievo 0-2 con le reti di Rovaglia e del capitano clivense Rabbas.
Per i rossoneri c’è, inoltre, la bella notizia del rientro, dopo 432 giorni di stop, di Andrea Conti, fatto giocare appunto con i giovani per riassaporare il campo. Fin qui tutto nella norma, se non fosse che il sopracitato Conti e Paolo Maldini, nel post partita, si siano diretti verso lo spogliatoio dell’arbitro Marco Ricci, rivolgendogli espressioni ingiuriose e guadagnandosi rispettivamente 3 giornate di squalifica (relative però al campionato Primavera e quindi non alla Serie A) e l’inibizione dalle cariche federali fino al 15 novembre.

Leggi anche:  Chi viene e chi va: il punto sul mercato del calcio femminile

Nonostante le 3 giornate non si riferiscano alla massima serie, per il Milan è comunque un problema, visto che mister Gattuso voleva utilizzare assiduamente Conti in Primavera per fargli riprendere il ritmo partita e, soprattutto, la fiducia e la sicurezza del proprio recupero dall’infortunio, aspetto fondamentale quando si arriva da una situazione così grave come quella del classe ’94 ex Atalanta.

La vera domanda però è: cos’è successo? Cosa ha provocato una reazione così, soprattutto in due personalità notoriamente tranquille? Per dovere di cronaca, bisogna riportare le voci che circolano sui social, secondo le quali il direttore di gara avrebbe rivolto parole non proprio corrette verso Daniel Maldini, classe 2001 e figlio di Paolo, accusandolo di “giocare peggio del fratello” (Christian, in forza alla Pro Piacenza in Serie C) e verso Raoul Bellanova, terzino classe 2000 per altro nel giro della prima squadra milanista, chiedendogli “davvero giochi così male?”. Certo, queste sono solo supposizioni, ma che farebbero capire il perché della rabbia di Conti, visto come il leader esperto del gruppo primavera, e soprattutto di Maldini, vedendosi attaccato in prima persona per le parole al figlio.

Leggi anche:  Sky o Eleven Sports? Dove vedere Argentina-Paraguay in tv e in streaming, Copa America 3^ giornata

Il Milan ha già fatto sapere che presenterà ricorso contro la decisione del giudice sportivo Alessandro Zampone.

  •   
  •  
  •  
  •