Moggi: “La Juventus di Allegri è come quella di Calciopoli. Non piace perchè vince troppo”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti


La Juventus di Allegri ha stufato tutti, parola di Moggi. 
Oggi è il giorno della verità per i bianconeri, attesi dall’impresa non facile di ribaltare il 2-0 dell’andata subito dall’Atletico Madrid di Simeone. C’è chi già prefigura l’eliminazione dei bianconeri, parla di probabile fallimento e di addio a fine stagione del tecnico Max Allegri. A tal proposito Luciano Moggi non la prende bene e si schiera contro coloro che criticano una squadra capace di vincere sette scudetti di fila ed è ormai lanciatissima verso l’ottavo. L’ex direttore generale bianconero scrive tra le pagine di Libero: “Nel 2006 il presidente del Coni, Gianni Petrucci, sentenziò: «Chi vince troppo non fa il bene del proprio sport». E nacque Calciopoli, complice la morte dell’ Avvocato Agnelli, del dottor Umberto e dell’ avvocato Chiusano. Quella Juve aveva vinto tutto fino a diventare Campione mondiale per club, oltre a fornire giocatori, allenatore e massaggiatore all’Italia campione mondiale a Berlino. Ma evidentemente quella Juve, proprio perché troppo vittoriosa, aveva stufato tutti, compreso Gianni Petrucci. La stessa piega che sta prendendo quella di questi tempi”.

Leggi anche:  Il derby va all'Inter, Milan deludente e spento: esonero per Pioli?

Moggi commenta le critiche ingiustificate ai bianconeri. La squadra di Allegri è stata bersagliata negli ultimi mesi dalle critiche della stampa per il gioco espresso nonostante i risultati e per l’ipotetico flop qualora non arrivasse in fondo alla Champions League. Moggi la pensa così sull’argomento: “In Italia la cosa sembra addirittura annoiare perché si preferisce evidentemente la mediocrità generale ad una sola forza emergente. Con questo strascico siamo arrivati alla partita che potrebbe far tacere tutti o alimentare le polemiche. Moltissimi i pessimisti che ritengono impossibile recuperare due gol a Simeone. Mentre gli ottimisti, peraltro in minima parte, prendono esempio dall’ Ajax, che ha eliminato il Madrid ribaltando il 2-1 dell’ andata vincendo 4-1 al Bernabeu”( fonte Libero).

  •   
  •  
  •  
  •