L’ As Roma e i suoi tormenti: quando la rivoluzione?

Pubblicato il autore: Elena Caruso Segui


La Roma da qualche anno a questa parte fatica enormemente ad emergere nel panorama calcistico. La società nel rispetto del FPF smonta e prova a ricostruire una squadra che non ha equilibrio, una squadra con debole mentalità priva di organizzazione tecnico-tattica.

L’ AS Roma dopo la splendida cavalcata a livello europeo che le ha permesso di toccare i punti più alti di una splendida stagione si è lentamente assopita sino a sparire. Dopo la storica semifinale di Champions League la Roma dopo aver toccato l’apice dell’euforia perde i suoi gioiellini  e si ripiega su se stessa senza più ritrovarsi. Gli allenatori cambiano, i giocatori espatriano e chi li sostituisce non è all’altezza e, come se non bastasse, la società raggiunge il punto più basso liberandosi delle storiche bandiere giallorosse, due Capitani che della Roma hanno fatto il loro principale amore: Francesco Totti prima, Daniele De Rossi poi.

Leggi anche:  Novità per la Supercoppa Italiana: verrà utilizzata per la prima volta in Europa. Ecco i dettagli

Gli addii di Francesco Totti è Daniele De Rossi sono lo specchio di una società allo sbando che prova a nascondere le sue brutture con dichiarazioni mai realmente chiare e definitive, lasciando i tifosi nell’incertezza e sopraffatti da un generale malcontento.

La musica comunque non sembra destinata a cambiare, l’addio di Daniele De Rossi infatti è solo l’ultimo dei tanti già previsti, il mercato in uscita sembra l’obiettivo primario, almeno per il momento. Manolas, Dzeko e Pellegrini  sono solo alcuni dei nomi caldi del mercato giallorosso e se l’arrivo del nuovo allenatore Paolo Fonseca rallegra i tifosi (forse non proprio tutti) l’arrivo di Spinazzola e il possibile Approdo di Higuain lasciano perplessi. Perplessità è il termine che di gran lunga interpreta quanto ruota attualmente intorno alla Roma: perplessità per il progetto futuro (se esiste e le reali intenzioni di attuarlo), per lo stadio, per il mercato in entrata, per la volontà di far grande la Roma.

Leggi anche:  Juventus, ecco i convocati per la Supercoppa contro il Napoli: solo Ronaldo e Morata in attacco

L’interesse per il nuovo progetto (che ormai di nuovo davvero ben poco) è sempre più vivo soprattutto dopo l’esclusione del Milan dalla prossima Europa League, esclusione che garantisce ai giallorossi l’accesso diretto alla fase a gironi. Il 30 agosto a Nyon si terranno i sorteggi per i 12 gironi e allora sì che la Roma dovrà fare sul serio, perché ancora una volta ripartirà da zero con un nuovo allenatore, un nuovo organico e chissà forse con un nuovo obiettivo.

  •   
  •  
  •  
  •