L’Inter richiama gli stranieri: in Italia entro lunedì prossimo

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

L’Inter richiama gli stranieri: in Italia entro lunedì prossimo. La società nerazzurra, come riportato dal ‘Corriere dello Sport’, ha chiesto esplicitamente ai propri giocatori stranieri di rientrare nel nostro paese entro lunedì prossimo. Entrati in Italia dovranno osservare una nuova quarantena.

Inter, richiamati i giocatori stranieri volati via: al Suning Center entro lunedì

E’ tempo di rientrare. L’Inter si appresta a riaccogliere quei sette giocatori volati all’estero subito dopo il periodo di isolamento successivo alla notizia della positività di Daniele Rugani al Coronavirus, affrontato da avversario lo scorso 8 marzo nel Derby d’Italia a porte chiuse, l’ultima volta che la Serie A è scesa in campo prima dello stop.

Come riportato nell’edizione odierna del Corriere dello Sport, la società nerazzurra ha dato indicazione esplicita ad Handanovic, Brozovic, Eriksen, Young, Lukaku, Godin e Moses di non andare oltre la giornata di lunedì prossimo per fare ritorno a Milano: una mossa atta a cautelarsi in previsione di un eventuale allentamento del blocco totale previsto dal decreto governativo, che potrebbe consentire agli atleti di tornare ad allenarsi nuovamente nelle strutture osservando rigide regole di sicurezza.

Le restrizioni potrebbero anche essere allungate, ma l’Inter ragione anche in relazione ai tempi tecnici che si allungheranno inevitabilmente: qui giocatori, infatti, dovranno osservare un nuovo periodo di quarantena, come prevede il protocollo. Sarebbero così abili e arruolabili non prima della fine di aprile. In questo lungo mese senza calcio, Handanovic e compagni hanno seguito un programma di allenamento dalle proprie abitazioni, ma si sa che questa tipologia di lavoro non è per nulla paragonabile al sudore lasciato sui campi di gioco: ragione per cui è meglio ridurre i tempi di attesa, per far si che Conte abbia tutti a disposizione il prima possibile.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: