La Juventus richiama gli stranieri

Pubblicato il autore: Alessio Prastano Segui

Sembra proprio che si voglia tornare alla graduale normalità, quanto prima. La Juventus richiama gli stranieri tornati in patria, dopo l’ok da parte del Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, alla ripresa degli allenamenti individuali.
Sono in tutto dieci gli stranieri della Juventus che torneranno a Torino: Cristiano Ronaldo, Higuain, Matuidi, De Light, Rabiot, Douglas Costa, Khedira, Szczesny, Danilo e Alex Sandro.

I calciatori stranieri bianconeri dovranno quindi organizzare i rispettivi viaggi di ritorno, tenendo conto delle inevitabili difficoltà legate alle poche tratte aeree a disposizione. In questo caso, l’unico calciatore agevolato è Adrien Rabiot: il francese, che ha trascorso la quarantena in Costa Azzurra, potrà tornare in Italia in auto, impiegando poco più di quattro ore.

Al rientro, gli stranieri della Juventus dovranno sottoporsi ad un periodo di 14 giorni di isolamento fiduciario, come imposto dalle norme governative. Quindi, in una prima fase potranno allenarsi a casa.
Per tutti gli altri calciatori della Juventus, da metà settimana tornerà a disposizione il centro sportivo della Continassa, che dispone di quattro campi da calcio, una quantità sufficiente per permettere lo svolgimento degli allenamenti individuali, ai quali assisteranno il medico della Juventus ed almeno un componente dello staff tecnico.

Fino al 17 maggio si dovranno seguire gli allenamenti individuali. Dal 18, qualora la curva del contagio da coronavirus non riservi sgradevoli sorprese, si potrà tornare agli allenamenti di gruppo. C’è tanta voglia di normalità. C’è voglia di tornare a giocare, ma la sicurezza e la salute viene prima di tutto.

  •   
  •  
  •  
  •