Sabatini critica Zhang: “Dov’è finito? Nessuna dichiarazione nemmeno sui social”

Pubblicato il autore: gaetanomasiello91 Segui

Sandro Sabatini, noto giornalista e volto di Mediaset, sul giornale Tuttosport  ha rilasciato una dura critica nei confronti del presidente dell’Inter Steven Zhang.

Sabatini “preoccupato” dalla “scomparsa” di Zhang

Ecco il pensiero di Sabatini verso il presidente dell’Inter: “Da due mesi neanche un tweet o un post su Facebook. Nemmeno una storia su Instagram, dopo che l’ultima aveva fatto il botto, e non solo di visualizzazioni. Dai social nessuna traccia. Dov’è finito Steven Zhang? Geo-localizzarlo interessa relativamente: se non è a Milano, sarà a Nanchino, Cina, casa sua”.

Prosegue Sabatini: “Zhang non si fa vedere. Non parla. Non scrive. Così facendo, non rilascia un aggiornamento su quelle parole digitate il 2 marzo scorso, quando attraverso Instagram accusava Dal Pino con pensieri, parole e faccine”. Sabatini ricorda come Zhang non rilasci una dichiarazione dall’attacco nei confronti della Lega Calcio e del suo presidente Paolo Dal Pino su Instagram, reo secondo il presidente dell’Inter del rinvio di Juventus-Inter per disputarla a porte aperte. Ecco le parole del presidente dell’Inter in quella circostanza: “Vergognati, non si gioca con la salute della gente. Sei il peggior clown”.

Sabatini puntualizza su quell’episodio e incolpa la Lega Calcio. Ecco il suo parere: “Chiariamo: la Lega aveva sbagliato l’acrobazia di posizionare Juve-Inter al lunedì, sperando in un’irreale riapertura al pubblico dello Stadium. Ed era comprensibile che l’allarme pandemico venisse lanciato da un giovane in drammatico contatto con i pericoli suggeriti dalla realtà cinese”.

Sabatini ritorna su Zhang in attesa di una ripresa del campionato: “Ora che sarebbe “socialmente” utile qualsiasi segnale, perché non c’è traccia del presidente Zhang?” Un pensiero anche sul mondo nerazzurro in generale: “L’Inter è d’accordo sulla ripresa dell’attività? E’ stato raggiunto l’accordo sulla riduzione degli stipendi dei tesserati? Lukaku ha rettificato pubblicamente quella sua strampalata ricostruzione dei «23 giocatori con l’influenza, a gennaio»?”.

Sabatini puntualizza una mancata dichiarazione da parte del presidente Zhang: “Ma sicuramente manca il presidente. D’accordo: l’Inter funziona anche senza dichiarazioni pubbliche, la società non ha bisogno di esporsi a tutti i costi, i giocatori possono stare tranquilli almeno quando non si gioca. Ma Zhang, no. Non può consegnare alla sua storia personale un attacco così duro quando la serie A tentava di non chiudere, e sparire oggi che la Serie A tenta di riaprire. E’ il momento di tirar giù la mascherina: da due mesi c’è una storia (non solo Instagram) da completare, correggere o cancellare. Ma non silenziare”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: