Torino-Udinese, Marino: “Squadra carica, Pozzo ha galvanizzato l’ambiente”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

L’Udinese di Gotti si appresta ad affrontare il Torino questa sera e il responsabile dell’area tecnica, Pierpaolo Marino, ha voluto caricare l’ambiente in vista dell’importante impegno con la squadra granata. Ecco le sue dichiarazioni rilasciate a Udinese Tonight:

L’assenza dei tifosi è una delle tante anomalie di questa ripartenza. Finalmente si riparte è chi ama il calcio è felice, siamo molto entusiasti. Ci dispiace per l’assenza dei tifosi perché il calcio senza tifosi è comesedersi a tavola senza pane, però vogliamo riprendere. La sensazione è di grande entusiasmo. Va fatto un grosso elogio sia allo staff tecnico che alla squadra per la professionalità con cui hanno affrontato la fase di lockdown, dove hanno lavorato alla grande perché si sono presentati ai test di ripresa in condizioni ottime. C’è stato un lavoro di ripresa, che ormai dura un mese e mezzo, bello da vedere ricco di entusiasmo. L’amichevole con Brescia, ottimo test per noi, ha dimostrato che la squadra ha lavorato bene. Tutte queste sono premesse perché la voce del padrone è il campo”.

Marino ha voluto encomiare pure il patron dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, affermando pure la convinzione nei propri mezzi che ha la squadra di Gotti nonostante lo stop dovuto al Coronavirus: 

“Noi dobbiamo guardare dietro la classifica. Abbiamo giocato 4 partite bellissime prima dello stop con solo quattro pareggi. Siamo venuti a Torino convinti dei nostri mezzi. Vogliamo ottenere il massimo, anche se sappiamo che il Torino è una squadra rispettabilissima. Cercheremo di ottimizzare in maniera da iniziare a guardare avanti anche in classifica. Torino-Udinese magari adesso può essere una partita per la salvezza, ma magari tra un po’ le partite per la salvezza saranno altre e vedranno sfidarsi squadre che al momento non sospettano niente. Il patron Pozzo con il suo carisma riesce a galvanizzare tutti e io ho grande piacere di questa presenza, perché mi ha fatto compagnia e perché ha galvanizzato l’ambiente, ad averne presidenti così”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Giampaolo - Torino: è ora di cambiare?