Udinese-Atalanta 2-3, per Muriel una doppietta che vale credibilità

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Giocatore che presenta una certa discontinuità, ma in termini di talento può diventare un grandissimo fuoriclasse“. Questa è stata la risposta di molti esperti (calciatori e non) quando veniva fatta qualche domanda nei confronti di Luis Muriel: un giocatore nella quale la definizione di bipolarismo non è poi così fuori-luogo. Il passaggio dalla delusione all’esaltazione è istantaneo, suscitando tantissima incredulità: dal fantasma contro la Lazio alla straordinaria doppietta di Udine. Certo, l’oggettività non si lascia certamente influenzare, ma per il numero 9 atalantino, quello che è successo al Dacha Arena, potrebbe diventare un vero punto di partenza nerazzurro?

Credibilità: e se fosse l’arma in più per trasformare definitivamente Murel? – Viste le precedenti esperienze in Serie A, chiunque avrebbe quasi gettato la spugna nei suoi confronti, ma all’Atalanta c’è un fattore che potrebbe risultare decisivo: la credibilità. L’esultanza di Muriel con Gasperini sembra quasi rappresentare lo sblocco definitivo dopo mesi difficili, nella quale squadra e mister credono in lui nonostante i difetti che ha. Quello dimostrato contro l’Udinese è lo specchio del giocatore che dovrebbe essere all’Atalanta, ma se saranno fiori nelle prossime partite è tutto quanto da valutare. In tutto questo vi è una certezza: la squadra crede fortemente in Luis Muriel, e molte volte la fiducia, a suo modo, aiuta.
  •   
  •  
  •  
  •