Atalanta, Papu Gomez miglior giocatore della stagione. Riassunto in 10 punti

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


Papu Gomez è stato eletto dagli atalantini come il miglior giocatore della stagione nerazzurra. Sorpresa? No, semplicemente un dato di fatto: la conferma di un capitano che in quel di Bergamo è stato assoluto protagonista, facendo delle cose veramente straordinarie in campo sotto tutti i punti di vista. Ecco la sua straordinaria stagione da “10” riassunta in dieci punti.

  1. Assist man per eccellenza – Le doppie cifre sono sempre un cavallo di battaglia per Papu Gomez, soprattutto in termini di assist. L’argentino ha raggiunto quota 16 risultando decisivo per il terzo posto finale.
  2. Pochi, ma buoni (goal) – Rispetto ai suoi compagni del tridente (Muriel compreso) è quello che ha segnato di meno: 8 reti (7 in campionato), ma sempre fondamentali per raggiungere la vittoria. La freddezza non gli manca nonostante il cambio di posizione.
  3. A tutto campo – Trequartista sulla carta, ma in campo è un tuttofare: rientra in difesa, recupera i palloni, apre gli spazi, infaticabile ed è sempre l’ultimo ad arrendersi. Se i suoi compagni di squadra fanno 30, lui fa sempre 31.
  4. Qualità argentina – Il Papu perde il pelo, ma non il vizio di fare delle giocate da capogiro tra tunnel e dribbling. Talmente talentuoso da far “bailare” gli avversari.
  5. Legame con Bergamo – Gomez ormai è parte dell’Atalanta: la dedizione nei confronti dei colori nerazzurri è tanta, soprattutto per quanto concerne il suo rapporto con i tifosi. Un dato che in circostanze come queste fa molto la differenza.
  6. La legge del capitano – Capitano in campo e fuori. La sua grande capacità di fare gruppo ne risaltano il suo essere leader. Scontato? Rispetto a due anni fa, Papu ha fatto passi da gigante: in grado di prendere per mano la squadra nei momenti difficili.
  7. Mentalità vincente – Mai accontentarsi e puntare sempre in alto. Questo è il concetto che Papu Gomez ha voluto far passare nel corso di tutta la stagione: vincere, vincere e solo vincere. Contesto che ti porta a compiere grandi imprese.
  8. Dipendenza da Papu – Per far capire quanto Papu sia risultato importante per l’Atalanta: un minutaggio che va oltre quota 3mila. Con lui in campo, i nerazzurri sono devastanti sotto tutti i punti di vista.
  9. Cardine in Europa – Ovviamente la ciliegina sulla torta arriva in Champions League, dove il numero 10 nerazzurro non manca in termini di supporto: qualità da vendere anche nel palcoscenico più importante.
  10. Base su cui ripartire per il 2021 – Certezza anche per quanto concerne il futuro dell’Atalanta. Un punto di partenza nella quale la nuova Dea 2021 verrà puntellata nella maniera migliore possibile.
  •   
  •  
  •  
  •