Mercato, le ultime di Mino Raiola su Donnarumma, Pogba..e non solo

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


Il prossimo mercato estivo sarà scenario di possibili colpi di scena. Il mese di giugno è prevista la scadenza di contratto di numerose stelle del calcio, da Messi ad Aguero, Ramos, Modric, Di Maria, ma anche Donnarumma e Paul Pogba, due tra gli assistiti più importanti di Mino Raiola. Il procuratore è a lavoro in questi giorni per trovare la soluzione migliore per i due giocatori. Le sue parole all’Assemblea di Lega a Palazzo Parigi hanno acceso ancora di più il tema.

Mercato, parla Mino Raiola

Il procuratore italo-olandese, su Gigio Donnarumma, portiere in forza al Milan, ha dichiarato: “Gigio deve essere lasciato in pace. Sta cercando di fare una cosa importantissima per la sua carriera e per il Milan. Questo conta. Tutto il resto si fa dietro le quinte, senza giornalisti e senza che nessuno sappia niente”. Raiola, sulle voci di Paul Pogba di ritorno alla Juventus, afferma: “Pogba alla Juve? Non parlo di nessuno. Anche lui va lasciato stare, perché quando io parlo schizzano le azioni della borsa e la gente è nervosa. C’è gente che non dorme la notte. Meglio non parlare…”.
Il procuratore assiste anche Zlatan Imbrahimovic, in scadenza con il Milan a fine campionato in corso, sullo svedese dice: “So che migliora tutto, sé stesso e la squadra perché è altruista ed è quello che serviva al Milan. Penso che lo abbiano capito ora. Io sono contento per lui e per il Milan. Non sono stupito di quello che fa”. Il procuratore lavora anche con De Vrij e Pinamonti, due giocatori dell’Inter. Sui due dichiara: “Su De Vrij chiedete all’Inter. Per quanto riguarda Stefano Pinamonti, gli ho indicato un percorso e lo sta facendo. E’ giovane e ha avuto anche qualche problema con vari infortuni. – Sulla questione che Pinamonti gioca poco, il procuratore continua – Non puoi essere soddisfatto quando non giochi molto. L’avevamo messo in conto”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, il calendario 2022-23 è già un rompicapo