Pirlo dopo la Fiorentina: “Non sono contento della mia annata”

Pubblicato il autore: Andrea Rao

Andrea Pirlo

Andrea Pirlo e la Juventus, strade che si divideranno a fine stagione? Il tecnico, nonostante la brutta prestazione dei suoi contro la Fiorentina, gode ancora della fiducia della società. Infatti Paratici, prima della partita giocata al Franchi, ha confermato l’allenatore anche per il prossimo anno. Ciò comporterà la sua permanenza sulla panchina bianconera anche in caso di una, improbabile, mancata qualificazione alla Champions?

Andrea Pirlo: “Le aspettative iniziali erano diverse”

Il tecnico non è sicuramente felice della partita disputata dalla sua Juve contro gli uomini di Iachini. Nelle dichiarazioni del post partita, raccolte dalla Gazzetta dello Sport, Pirlo fa un bilancio della sua stagione, considerata al di sotto delle aspettative: “Le aspettative iniziali erano diverse non ritengo di aver svolto il lavoro come volevo e non volevano tutti. Rispetto alle prospettive iniziali non sono contento e non credo neanche la società

“Abbiamo fatto un bruttissimo primo tempo”

Andrea Pirlo commenta amaramente la prima frazione di gioco di Firenze: “Abbiamo fatto un bruttissimo primo tempo, dovevamo affrontarlo in un altro modo in una gara fondamentale per la corsa Champions. Eravamo troppo in ritardo, poco aggressivi, non abbiamo cercato la profondità“. E poi prosegue spiegando alcune scelte tattiche: ” Dopo l’infortunio di ieri di Danilo abbiamo cambiato, abbiamo provato a metterci con i tre dietro e gli esterni più alti con due giocatori tra le linee come Ramsey e Dybala: non ha funzionato e all’ intervallo abbiamo messo Morata, che avevamo tenuto dalla panchina per dare un cambio di passo durante la partita. Ma dovevamo affrontarla in un altro modo. Coi tre dietro non è andata bene perchè abbiamo provato una cosa e ne abbiamo fatta una diversa, poi abbiamo impostato come abbiamo fatto durante l’anno ed è andata un po’ meglio. Abbiamo sbagliato ad interpretarla, dovevamo cercare di più la profondità diretta contro la loro linea alta ed aggressiva, l’abbiamo fatto di più nel secondo tempo e abbiamo visto il risultato”.

Pirlo: “Ronaldo e Dybala? Sono due giocatori diversi”

Andrea Pirlo commenta le differenze dei suoi due attaccanti e cosa lo ha spinto a sostituire Dybala : “Si, sono due giocatori diversi, avevamo bisogno di giocatori che andassero di più nello spazio mentre Paulo viene di più a legare il gioco: la scelta l’abbiamo fatta per quello”. Su Kulusevski: ” Questa partita è entrato bene. Abbiamo provato a tenerlo molto largo dando a Cuadrado la possibilità di salire per avere superiorità numerica in quella zona del campo per sviluppare il gioco in maniera diversa”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Mondiali, Brasile-Corea probabili formazioni: mondiale finito per due brasiliani