Bargiggia sulle voci Aguero-Juve: “Serve una smentita per non coprirsi di ridicolo”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

paolo bargiggia

Paolo Bargiggia, noto giornalista sportivo interviene. E vuole dire la sua sulle voci che circolano in queste settimane su un possibile approdo del Kun alla Juve. Manda un messaggio non proprio al miele alla dirigenza bianconera, invitandola a non fare un colpo di mercato che forse potrebbe rivelarsi infruttuoso. Secondo lui, la politica del parametro zero, non sempre è efficace come già dimostrato da alcuni acquisti passati.

Paolo Bargiggia: “Non vogliamo credere a quello che leggiamo”

Il giornalista sportivo, in un articolo apparso sul suo sito ufficiale, polobargiggia.it, manda un monito alla dirigenza bianconera. La invita non acquistare un giocatore che potrebbe non rendere più come una volta. Aguero, infatti viene da una stagione deludente, in cui ha totalizzato un totale di 13 presenze sino a questo punto. Solo 5 presenze in Champions, 8 in Premier League per un totale di 3 reti realizzate. Troppo poco per un giocatore del suo calibro. Complici di questo declino, si spera per lui limitato a questa annata, sono stati il Covid19 ed i  numerosi infortuni che lo hanno falcidiato da settembre. Paolo Bargiggia non crede che la Juve si voglia realmente “ridicolizzare” in questo modo. Questo l’incipit del suo articolo: “Non vogliamo credere a quello che leggiamo e, al momento, non vogliamo nemmeno credere che la Juventus si voglia rendere tanto ridicola nel solo pensare di poter ingaggiare il Kun Aguero”.

“La Juve non può continuare ad essere un riciclatore di rifiuti”

Paolo Bargiggia rivolge parole dure ai bianconeri, che dovrebbero servire all’elaborazione di una migliore strategia di mercato: “Se la Juve non vuole mettersi nella condizione di passare per quella società che ha perso la bussola e la coerenza, che si è incartata pesantemente rincorrendo ogni anno un progetto diverso, come minimo dovrebbe smentire pubblicamente le indiscrezioni sul Kun. Va bene tutto, ma continuare ad essere i riciclatori di rifiuti del campionato altrui non è proprio il massimo.” E poi avverte che : “…Perseverare è diabolico.” Il giornalista non condivide i colpi di mercato Ramsey e Rabiot, che dopo poco tempo sono già finiti sul mercato, per delle prestazioni al di sotto delle aspettative. E l’acquisto di Aguero vorrebbe dire insistere con una politica che ha fatto male alla società, sia tatticamente che finanziariamente. Secondo lui i parametri 0, tranne qualche rare eccezioni (Pogba alla Juve), sono “un escamotage che funziona al contrario”, perchè: ” sei convinto di risparmiare perchè non paghi il costo del cartellino ma poi, lo stipendio pesante ti lega le mani se non sei contento del rendimento del giocatore“.

Paolo Bargiggia: “Urge una smentita”

Il giornalista definisce quella di Aguero “un’idea malsana“. E si pone una domanda che forse anche i tifosi bianconeri si sono fatti: ” Ma la Juve pensa davvero di mettere insieme una coppia di vecchietti da dopo lavoro come Aguero e CR7? 70 anni in due!”. Conclude sperando che le voci di mercato sull’attaccante restino appunto, voci: “Non è che Agnelli, troppo affaccendato nelle vicende dell’Eca e della Superlega abbia perso quella lucidità che lo ha sempre contraddistinto? Qui urge una smentita. Forse”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Paris Saint Germain-Juventus: che intrigo tra due pezzi da novanta