Inter, Ausilio a Sky Sport: “Ci teniamo stretto Antonio Conte”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

ausilio

Ausilio, dirigente dei neocampioni d’Italia, fa un bilancio della stagione che sta per concludersi. Intervistato dai microfoni di Sky Sport, il direttore sportivo traccia il piano per il futuro. Non ha risparmiato parole di elogio per la squadra, Antonio Conte e per il presidente Zhang. Si augura che la vittoria del campionato sia solo l’inizio di un ciclo che possa andare avanti negli anni.

Ausilio: “Questo Scudetto è solo l’inizio”

Il direttore sportivo dei nerazzurri ai giornalisti ha detto: “La nostra è un’ottima squadra, ma Conte ha fatto la differenza e noi ce lo teniamo stretto. Questo Scudetto è solo l’inizio. Personalmente dopo tanti anni diifcili che ho vissuto, ci voleva. E’ stato un percorso complicato, non è facile cambiare tre proprietà e vincere. Per quanto riguarda la famiglia Suning il tempo è stato quello giusto, hanno dato continuità ad alcuni del vecchio management e hanno preso Marotta. Ora abbiamo ancora quattro partite da onorare, cerchiamo di chiudere bene. Poi avremo modo di programmare con la società e con l’allenatore quello che sarà il futuro. Intanto vogliamo goderci questo successo e dividerlo con i nostri tifosi”.

“Presto un incontro con Conte”

Ausilio è poi tornato sul famigerato “Patto di Villa Bellini”, dichiarando: “Quello di Villa Bellini è stato fatto passare come un meeting incredibile, invece nel quotidiano avvengono sempre incontri del genere. Ci saranno degli incontri con Conte nei prossimi giorni come è giusto che sia. Li organizzeremo cercando di fare in modo che siano il più riservati possibile“, garantisce il dirigente.

Leggi anche:  Euro 2020, cresce l'entusiasmo intorno all'Italia di Mancini

Ausilio su Zhang: “Orgoglioso e felice di quello che era stato fatto”

Il dirigente dell’Inter, nel corso dell’intervista, ha dedicato parole importanti al presidente dell’Inter: “Era molto emozionato, forse dalla Cina non aveva la consapevolezza di cosa potesse comportare vincere uno scudetto. Era orgoglioso e felice di quello che era stato fatto. Non è da tutti vincere così giovane e in così poco tempo”, chiosa Ausilio su Steven Zhang.

Il punto sui rinnovi

Piero Ausilio chiarisce alcuni aspetti sulla situazione rinnovi: “So perfettamente quali sono i giocatori più importanti del club. Cercheremo di fare in modo che i migliori possono restare, assecondando anche le richieste economiche del club. Per Bastoni dobbiamo solo formalizzare, non cambia nulla aspettare 10-15 giorni. Non appena ci presenteranno il nuovo progetto finanziario del club, affronteremo la cosa. Anche per Lautaro non credo che il rinnovo possa rappresentare chissà quale problema. Eravamo a buon punto, però il fatto che abbia cambiato gli agenti ci ha messo nelle condizioni di dover ricominciare da capo. Eriksen? E’ un professionista pazzesco, ha sorpreso anche noi. Ha avuto difficoltà di ambientamento, è arrivato all’Inter e il campionato si è fermato 2-3 mesi, ci ha messo un po’, ma da quando l’abbiamo ritrovato siamo contentissimi di commentare quello che sta facendo”.

Su Mourinho: “Non c’è mai stata la possibilità di un suo ritorno”

Il responsabile dell’area tecnica della società milanese rivolge un pensiero a Josè Mourinho, neoallenatore della Roma: “Sposterà tantissimo. Parliamo di un grandissimo allenatore, che farà benissimo sia alla Roma sia al calcio italiano. Darà tanta positività, ci divertiremo tutti. Sono contento di averlo tra noi. Rivederlo all’Inter? Non c’è mai stata la possibilità di un suo ritorno. Abbiamo portato avanti un discorso diverso e l’abbiamo concluso con Antonio Conte”, assicura con orgoglio.

  •   
  •  
  •  
  •