Marotta: “Abbiamo cominciato un ciclo. Conte? Spero resti…”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Beppe Marotta

Beppe Marotta, elogia il suo mister. L’Inter del gruppo Suning dopo 11 anni è riuscita a vincere il campionato italiano, dopo quasi una decade di strapotere juventino. L’aspetto particolare del trionfo nerazzurro è che arriva con il contributo decisivo dell’uomo che a Torino quel dominio lo aveva alimentato, portando allo Stadium calciatori di spessore come Pogba, Higuain Cristiano Ronaldo.

Marotta: “Con Conte c’è feeling come con squadra società e tifosi…”

Beppe Marotta intervenuto ai microfoni di Radio Anch’io Sport, dichiarazioni riportate da Sportmediaset, ha espresso la speranza che Antonio Conte resti anche il prossimo anno alla guida nerazzurra: “Abbiamo cominciato un ciclo, con lui c’è feeling come con squadra, società e tifosi: spero resti al 100%. Non abbiamo un’alternativa, un piano B. Parleremo con la società per sapere le loro linee guida ma c’è giusto e sano ottimismo”. Continua svelando alcune mosse societarie per il rilancio delle finanze interiste: “C’è un problema di ricavi con la pandemia, il quadro è questo, l’obiettivo è arrivare ad un accordo con un partner per far arrivare gli investimenti necessari”. 

Marotta, Super League: “Nata per una forma di preoccupazione…”

Secondo l’amministratore delegato nerazzurro la Superlega è: “…nata più per una forma di preoccupazione e di reazione al sistema di adesso e con modalità e tempi un po’ sbagliati però non dimentichiamo che da tutte le cose bisogna trarre degli insegnamenti. Questo calcio va rivisto e rimodellato, altrimenti si va verso il default”, assicura Marotta.

Leggi anche:  Cassano 'punge' Conte: "In Italia può aprire un ciclo, in Europa fa disastri da 10 anni. Vediamo..."

“Grande soddisfazione per un’impresa storica”

L’ex dirigente della Juve commenta così la vittoria del campionato da parte della sua Inter: “E’ una grande soddisfazione per una impresa storica. Conte l’ha definita un’opera d’arte e condivido quello che lui ha detto. Come in tutte le vittorie c’è sempre dietro una grande fatica e una cultura del lavoro. La crescita è stata lenta ma costante fin dalla stagione passata, in cui siamo arrivati ad un punto dalla Juventus e in finale di Europa League. Quest’anno Conte è riuscito a inculcare definitivamente quei principi vincenti che sono alla base di ogni successo“, chiosa con soddisfazione.

  •   
  •  
  •  
  •