Pietro Lo Monaco su Mourinho: “E’ un paraculo e un asino…Mi conosceva benissimo”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Pietro Lo Monaco Mourinho

Pietro Lo Monaco vs Mourinho, 13 anni dopo. L’ex amministratore delegato, nel corso di un’intervista rilasciata ieri, è tornato su una vicenda che lo ha visto protagonista ai tempi in cui il Calcio Catania militava ancora nel campionato di serie A. Nel lontano 2008 il dirigente rossoazzurro aveva attaccato il portoghese, per alcuni episodi legati ad un Inter-Catania, al termine di cui disse: “Mourinho è uno da prendere a bastonate sui denti”. L’autore del Triplete nel suo stile sarcastico rispose: “Lo Monaco? Io conosco il monaco del Tibet, il Monaco di Montecarlo, il Bayern Monaco, il Gran Premio di Monaco… Se qualcuno vuole essere conosciuto parlando di me deve pagarmi tanto”.

Pietro Lo Monaco-Mourinho: 13 anni dopo…

Pietro Lo Monaco, in un’intervista rilasciata a Radio Kiss Kiss Napoli, tornando sull’acceso scambio di battute che ebbe con Josè Mourinho, ha detto: “Mourinho è un paraculo e un asino, mi conosceva benissimo. Mourinho è uno dei più grandi paraculi della storia del calcio italiano. Fare l’allenatore presuppone avere diverse qualità, tra cui quelle di prendere l’attenzione su di sé, motivarla e su questo eccelle”.

“E’ un asino nelle cose di campo”

L’ex dirigente del Messina prosegue affermando: ” E’ un asino nelle cose di campo, io l’ho sempre detto“, assicura il siciliano. E aggiunge: “Lui mi conosceva benissimo,, anche perché qualche anno prima io andai a Bratislava a vedere gli Europei Under 21 lui faceva l’osservatore. Ci conoscemmo lì. E’ un paraculo, lo ripeto. In quella partita dello sfogo a un certo punto il mio preparatore atletico mi disse che Mourinho l’aveva salutato e sapeva chi fosse, questo perchè lui studia ogni elemento delle squadre che affronta, anche i dirigenti. Anche per questo lui mi conosceva, ma ha fatto il personaggio“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, Fabio Paratici: "Siamo concentrati per dare il meglio di noi stessi, lo abbiamo fatto per 11 anni"