Massimo Moratti: “Conte professionista serissimo. Andato via per mancanza di attaccamento”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Massimo Moratti

Massimo Moratti rivela il suo punto di vista sull’attuale situazione all’Inter. L’Internazionale FC, a livello societario non sta vivendo un momento idilliaco. E l’ex presidente del Triplete, ospite ad un evento organizzato da Il Fatto Quotidiano, ha rilasciato una serie di dichiarazioni, riportate da Sportmediaset, che offrono spunti interessanti. Le riflessioni hanno spaziato dall’addio di Conte a cui Moratti non lesina lodi, sino ad arrivare ad un parere sul gruppo Suning.

Massimo Moratti: “Zhang vuole mantenere la proprietà, ma per quanto tempo?”

L’ex numero 1 del club nerazzurro, dedica alcune parole alla figura di Antonio Conte: “Lui è un professionista serissimo e ha fatto benissimo ma alla base della sua scelta c’è stata mancanza di sfida e anche mancanza di attaccamento”. Moratti quindi, pur riconoscendo l’indiscusso carisma dell’allenatore sostiene che la causa primaria del suo abbandono, sia la mancanza di affiatamento con l’ambiente in generale. Poi ha proseguito esprimendo un’idea personale sul gruppo Suning, attualmente detentore della maggioranza delle azioni della società: “C’è preoccupazione per forza. Steven Zhang vuole mantenere la proprietà ma bisogna capire per quanto tempo”. Ed sostenuto con molta sicurezza: “Questi signori sono arrivati con la voglia di spendere tantissimo e di fare una squadra fortissima ma poi deve essere successo qualcosa di grave in Cina. Li hanno obbligati a mollare le attività”.

“Il club ha bisogno di cifre non facili da raggiungere”

L’ex massimo dirigente della compagine societaria milanese ha manifestato la sua contrarietà sull’idea della Spac interista, ventilata da alcuni. Al riguardo ha detto: “Che i tifosi interisti ci siano e che siano ricchi, ok. Ma metterli nell’Inter credo sia difficile, iniziative del genere esistono all’estero ma nascono diversamente. Le cifre di cui ha bisogno il club non credo siano facili da raggiungere con questo tipo di organizzazione”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Italia-Svizzera vista da un tifoso