La debolezza economica della Serie A rispetto agli altri campionati


La cessione di Hakimi da parte dell'Inter potrebbe essere sola la prima di una lunga seria. I nerazzurri trattano anche la cessione di Perisic (in Germania, su di lui Hertha Berlino e Bayern Monaco) e in caso di offerte importanti anche Skriniar, Lautaro e Brozovic. A questo, va a sommarsi l'ingaggio del PSG stesso di Donnarumma con un ingaggio monstre da 12 milioni all'anno per 5 anni e l'offerta dell'Arsenal per Locatelli di 40 milioni cash. A questo punto bisogna chiedersi quanto questo Fair Play finanziario sia una cosa reale o se "funzioni" solo con alcune squadre. Manchester City e PSG ne conoscono l'esistenza?

Fair Play finanziario, esisti o sei una leggenda metropolitana?

Il Manchester City di Guardiola, che è abituato a spese folli, prepara l'ennesima estate da protagonista. Oggetto del desiderio di Pep sono due dei calciatori che hanno portato l'Inghilterra ai quarti di finale: Harry Kane e Jack Grealish. Per l'attaccante del Tottenham è stato già offerto un assegno da 100 milioni di euro, rifiutato dagli Spurs. Ma il City insiste, e potrebbe alzare l'offerta a 115 milioni più una parte variabile legata ai bonus di circa 25 milioni per arrivare a circa 140. Cifre paurose. Non differente la situazione di Grealish. Per il calciatore dell'Aston Villa sono stati offerti 116 milioni di euro. Bisogna, però, chiedersi: quanto senso ha questo Fair Play finanziario? Rappresenta una cosa reale o è una leggenda metropolitana?
Ad oggi, le "vittime" della mannaia di questa riforma finanziaria sono state poche. Prima della lista il Malaga, escluso dall'Europa League nel 2012 per non aver rispettato i parametri. Da quel momento la squadra è retrocessa in seconda divisione spagnola, dove ora ancora è relegata. Le altre vittime sono state la Roma (che nelle scorse sessioni di mercato ha venduto elementi come Salah e Allison) e ora l'Inter, costretta a cedere. Però, la domanda resta: Manchester City e PSG, hanno le stesse regole? Non sembra.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Alessandro Budel: "L'Italia può arrivare fino in fondo. Juve, a Thiago Motta servirà tempo. Parma da salvezza tranquilla, Nicola per la panchina del Cagliari"