Serie A, è rivoluzione: cambia il girone di ritorno, sarà asimmetrico


Tra le tante novità attese nel calcio, oggi è stata annunciata anche l'ultima dalla nostra Lega calcio. In Serie A è rivoluzione: cambia il girone di ritorno. Nella prossima stagione, infatti, il girone di ritorno non seguirà il calendario classico, così come siamo abituati a vederlo da anni. Quest'ultimo sarà asimmetrico. Lo ha stabilito oggi l’Assemblea di Lega votando all’unanimità la modifica.

Serie A, è rivoluzione: cambia il girone di ritorno

Questa mattina si è svolto il Consiglio di Lega, dove hanno deciso, tutti in accordo, un cambio rivoluzionario per il girone di ritorno. Alla fine del Consiglio è stato anche diramato un Comunicato Ufficiale che ha spiegato, in dettaglio, tutte le novità.

Il comunicato recita: "Il Consiglio di Lega ha stabilito all’unanimità che il calendario della Serie A TIM avrà un girone di ritorno asimmetrico nella sequenza delle giornate rispetto al girone di andata. Il nuovo format, già in vigore in altri campionati come la Premier League, la Liga e la Ligue1, avrà una particolare novità rispetto alle altre nazioni che lo hanno adottato, con le partite del ritorno totalmente diverse da quelle di andata, sia come ordine, sia come composizione all’interno dello stesso turno. La nuova formula permetterà una migliore distribuzione degli incontri, non condizionati in questo modo da vincoli presenti all'andata che possono ricadere sulla stessa giornata di ritorno e viceversa. L'unico criterio imposto al sorteggio sarà che una partita non avrà il proprio ritorno prima che siano stati disputati altri 8 incontri".

Il prossimo 14 luglio la Lega diramerà ufficialmente il calendario della stagione 2021/22 di Serie A, si potranno avere ulteriori dettagli al riguardo. La buona notizia è che gli orario e i giorni delle gare resteranno invariati. Scongiurato un ulteriore "spezzatino" per le gare, come annunciato nei mesi scorsi.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Stefan Schwoch: “Lukaku il dopo Osimhen, il Vicenza risorgerà. Su Torino, Venezia e lotta scudetto…”