Benatia lancia il suo progetto digitale NFT nel Web 3.0

Pubblicato il autore: Margot Grossi


Medhi Benatia
avvia un innovativo progetto digitale, e lo fa qualche mese dopo aver comunicato la chiusura della sua carriera calcistica. L’ex difensore di Juventus, Bayern Monaco, Roma e Udinese, si è tuffato in una nuova dimensione, quella del Web 3.0.

Capitano del suo Marocco, nonché primo marocchino nella storia del calcio a prendere parte ad una finale di Champions League (Juventus-Real Madrid 2017), Benatia era recentemente tornato in visita a Torino e all’Allianz Stadium, suscitando le speranze dei tifosi della Juve. Dopo aver giocato per molti anni nel calcio che conta, l’ex calciatore ha deciso di trascorrere un periodo dapprima nell’Al-Duhail, in Qatar, e poi in Turchia nel Faith Karagümrük, terminando la professione.

Il progetto su cui ha lavorato Medhi Benatia

“Salut tout le monde, je fais cette vidéo aujourd’hui annoncer … un projet qui me tient à coeur. Nous y travaillons depuis plusieurs mois et nous y arrivons, le monde de demain. Vouz avez probablement entendu parler du NFT, le Web 3.0. C’est vrai. Nous sommes là et ce sera avec nous. Je vous invite à la découvrir vous aussi et à nous suivre”. Tradotto nella nostra lingua vuol dire: “Ciao a tutti, oggi faccio questo video per annunciare … un progetto che mi sta a cuore. Ci stiamo lavorando da molti mesi e ci stiamo arrivando, il mondo di domani. Probabilmente hai sentito parlare dell’NFT, il Web 3.0. E’ vero. Noi ci siamo e sarà con noi. Invito anche voi a scoprirlo e a seguirci”. Difatti, Medhi Benatia, che compirà i 35 anni il prossimo 17 aprile, ha da poco aperto e fondato insieme al suo Team, la pagina “mggroupofficial” su Instagram, in modo da aggiornare gli utenti del Cyberspazio sul suo progetto digitale NFT, a cui ha dato il nome di Oasis 3.0.

Dopo il videomessaggio, Medhi Benatia ha pubblicato il suo NFT e ci ha tenuto a chiedere ai propri fan cosa ne pensassero: “What do you think about my NFT ? 😍 [ @MedhiBenatia ]  X [ @MGGROUPOFF  ]”.

Cosa sono e come funzionano gli NFT?

Ma cosa sono e come funzionano questi tanto chiacchierati NFT? Spiegare cosa sono gli NFT a chi non ha molta dimestichezza con la tecnofinanza e termini come crypto-art, blockchain e token non è così semplice. Tuttavia, proveremo a spiegare il vocabolo.

Leggi anche:  Fiorentina-Always Ready, streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere amichevole

Innanzitutto parliamo del campo degli investimenti: gli NFT hanno iniziato da molti mesi a riscuotere un successo clamoroso. Molti personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport ne hanno subito approfittato. L’espressione NFT sta per Non-Fungible Token, che in italiano significa Gettone digitale non fungibile, non riproducibile. Esso è un modo per identificare in modo univoco, sicuro e senza dubbi un prodotto digitale creato su Internet, che può essere legato a qualsiasi oggetto digitale (video, foto, GIF, testo, articolo, audio…). Infatti, essendo pezzi unici, gli NFT (sono diversi dai Bitcoin) non possono essere replicati, né sostituiti.

Nel mondo del Basket, il cestista statunitense LeBron James, ha venduto al prezzo di 200mila dollari, un suo video di 10 secondi in cui realizza un canestro in una partita dei Lakers.

Il franco-marocchino impresso nei cuori juventini

Proprio lo scorso 10 marzo, la Juventus, attraverso i propri profili social, aveva omaggiato l’ex campione bianconero con un video di un suo gol: “Che azione 😍 Avvia e conclude @MedhiBenatia ⚽️ #GoalOfTheDay”.
Si trattava della sfida Juventus-Milan finita 2-1 e valida per la 28esima giornata di Serie A TIM 2016/17. Una prodezza di Benatia in area al 30′ aveva battuto l’allora pilastro del Milan, nonché l’attuale Campione d’Europa Gianluigi Donnarumma, aprendo ed entusiasmando la serata. A concludere, Paulo Dybala su rigore al 97′ in risposta alla rete di Carlos Bacca al 43′, con espulsione di José Ernesto Sosa al 93′.
Una curiosità, è che Medhi Benatia è stato il primo giocatore marocchino de La Vecchia Signora, squadra che di tanto in tanto, sostiene ancora attraverso le sue StoriesIG.

  •   
  •  
  •  
  •