Bambini “costretti” a cantare l’inno della Roma a scuola. La rivolta dei laziali

Pubblicato il autore: Margot Grossi


BAMBINI “COSTRETTI” A CANTARE INNO ROMA – La vittoria della Roma in Conference League ha coinvolto proprio tutti. Nella scuola romana Caterina Usai, in zona Talenti, una maestra ha fatto cantare l’inno della Roma ai bambini presenti. Il video è stato diffuso velocemente in rete e ha scatenato l’ira dei tifosi della Lazio.

Bambini costretti a cantare inno Roma? Un video spiega tutto

“Roma, Roma, Roma… Core De ‘Sta Città, Unico Grande Amore”, cantano dei bimbi in classe. Le famiglie laziali hanno manifestato la loro rabbia per i figli che intonano a squarciagola la canzone scritta da Antonello Venditti. Il tutto è successo alla Scuola primaria dell’Istituto comprensivo Via Savinio 43 di Roma. L’intonazione dell’inno della squadra romanista nell’aula, è stata corredata dal testo con un video, in modo da far ripetere ai piccoli alunni della IIB le parole esatte. Nelle immagini diventate virali sui social, si vedono infatti i bambini in piedi davanti allo schermo.

Leggi anche:  Serie C, Giugliano-Foggia probabili formazioni: tutti i dubbi di Fabio Gallo

Alcuni genitori non hanno ritenuto giusto il gesto della docente e hanno affermato: “Mio figlio è della Lazio e piangeva”. La maestra ha risposto:Io non sono neanche una tifosa di quelle accanite e la mia famiglia è divisa. E’ stato fatto in maniera totalmente innocua e non premeditata. Capisco che possa aver disturbato”, e promette: “per par condicio metterò anche l’inno della Lazio”. Ma non è tutto, perché secondo quanto riportato dalla stessa, “in classe ci sono anche due juventini”.

La maestra Daniela smentisce il papà laziale

Inoltre, la maestra Daniela ha precisato, smentendo la versione di un papà di fede laziale: “Il bambino soffre di forte emicrania, piangeva per quello. Era già venuto la mattina e con la madre abbiamo deciso di dargli un po’ di Tachipirina, eravamo d’accordo che se non fosse passato sarebbe venuta a riprenderlo”. La docente ha asserito di aver messo l’inno della Roma in maniera scherzosa, perché dei bambini erano andati a scuola con la maglia della squadra”, come è ben visibile dal video.

Leggi anche:  Serie C, le probabili formazioni di Pro Sesto-Piacenza

Niente di clamoroso insomma, quanto accaduto nel plesso scolastico di Roma, ma la maestra si è prontamente scusata, assicurando di rimediare allo sconveniente. Probabilmente, la sua intenzione era soltanto quella di trasmettere i valori dello sport, e non di alimentare cori a sfavore di altri.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,