Milan conferenza stampa Pioli: “Sappiamo quello che vogliamo e quello che dobbiamo fare”

Pubblicato il autore: Veronica Pecorilli

Milan conferenza stampa PioliMilan, conferenza stampa di Pioli in vista della sfida contro il Verona. Adesso la situazione si fa difficile, dopo la vittoria in rimonta dell’Inter sull’Empoli, con il sorpasso in classifica. E’ il momento di non fare passi errati e rispondere al sorpasso di Inzaghi, il Verona attende alle porte. Scopriamo le dichiarazioni del ct Stefano Pioli in vista del delicato match al Bentegodi.

Milan, conferenza stampa Pioli

Milan a Verona
“Sarà bello ancora una volta per i nostri giocatori affrontare un match con tanti tifosi milanisti che ci stanno trasmettendo passione ed entusiasmo”

La gestione della settimana
“E’ stata molto simile alle settimane precedenti. Siamo arrivati a un punto in cui tutte le gare hanno avuto e avranno un peso importante per la classifica. Ho visto grande attenzione e motivazione. Affrontiamo un avversario che sta facendo un grande girone di ritorno. E’ il momento giusto per dimostrare che non siamo solo bravi, ma anche migliori”

La condizione e i gol nel finale
“Noi e il Verona siamo tra le squadre che segnano più gol a inizio partita. Sappiamo che sarà importante l’approccio alla gara, ma sappiamo anche che il match sarà lungo e che potremo cambiare atteggiamento e assetto con i cambi eventualmente”

Cosa può dare Ibra?
“Abbiamo un modo di giocare che ci consente di essere equilibrati. Vogliamo dominare le gare. Più riusciremo a essere pericolosi, più avremo chance di sbloccare la gara prima. Ma le partite sono lunghe. Come hanno dimostrato Real e City in Champions. Le partite vanno giocate fino alla fine. La presenza di Ibra è importante e decisiva e sta facendo di tutto per aiutarci”

Filosofie contro per lo scudetto?
“Non lo so e non è questo il momento di parlarne. Sappiamo cosa serve ora. Ci servono sette punti. L’importante è essere squadra per 95′ e giocare con le stesse emozioni positive che ci stanno accompagnando”

All-in sul Milan?
“I pronostici ci davano sfavoriti. Io scommetto che la squadra domani darà il massimo, ne sono sicuro”

Giocare dopo l’Inter
“Non m’interessa. Sappiamo quello che vogliamo e quello che dobbiamo fare. Noi dobbiamo fare 7 punti”

Ostacolo Verona
“Il Verona cercherà di fare di tutto per batterci perché sta facendo un ottimo campionato e perché siamo una rivale prestigiosa da superare. Il reparto offensivo del Verona è molto pericoloso. Barak, Caprari e Simeone han segnato tutti oltre dieci gol. Dovremo difendere con lucidità. Quella col Verona sarà la partita più difficile perché è quella di domani. Ci sono grandi motivazioni per tutti. Il Verona sarà motivato e determinato”

Atteggiamento della squadra
“Li vedo sempre sul pezzo, motivati e attenti. Credo che stiano gestendo bene le emozioni. Sono giovani, ma veniamo da due anni di lavoro, di successi, di lavoro e ora siamo più pronti per affrontare questo tipo di partite. Sappiamo che la gara di domani sarà difficile e pesante, ma l’abbiamo preparata bene e sono sicuro che potremo affrontarla bene”

Ancelotti
Milan, conferenza stampa Pioli: “E’ una leggenda. È un top in tutto. Lo conosco poco, ma credo che abbia una capacità fantastica di entrare nella testa e nel cuore dei giocatori: è la più bella caratteristica che un allenatore possa avere”

L’obbligo di vincere
“Non vedo i giocatori né agitati, né ansiosi. Li vedo concentrati e motivati. Una virgola o un punto può fare la differenza adesso, ma il mio gruppo è cresciuto. Pensavo di doverli tranquillizzare, ma non serve. I ragazzi sono sereni, sorridenti e felici di essere in corsa per lo scudetto. Dobbiamo continuare così e procedere in questo percorso. Dobbiamo saldare queste certezze e convinzioni e poi andare giù dritti”

Milan squadra generosa
“Sono quelle alchimie che nascono in un gruppo per un ambiente, un modo di lavorare che ci consente di essere pronti a dare tutto per la maglia e per i nostri tifosi”

Chi è il rigorista?
“Abbiamo sempre esposto la nostra classifica dei rigoristi, poi i giocatori potrebbero cambiare la situazione. Ma il rigorista c’è”

Barak
“Ha sia tecnica che fisicità. Più riusciremo a sporcare le giocate per gli attaccanti, più ci difenderemo bene. Sarà importante anche il lavoro dei nostri attaccanti in fase di non possesso”

Timori ed errori arbitrali
“Dipende dal Milan tutto quello che possiamo controllare. La prestazione, gli atteggiamenti. Poi c’è chi farà altre scelte e noi le rispetteremo”

Verona evoca ricordi negativi
“Stiamo cominciando a scrivere la nostra storia. E la storia si scrive con il presente, non col passato”

Mentalità offensiva e gestione del match
“Per mentalità cercheremo il gol. Non sono mancati gli equilibri con la Fiorentina, anche se avevamo 3 attaccanti puri. Gli equilibri vanno mantenuti sempre, poi se ci sarà bisogno cambieremo qualcosa davanti…”

La condizione fisica e lo staff
“Il mio staff sa cosa penso. Loro propongono e io decido cosa fare. Sono io responsabile. A volte si dà troppa importanza alla parte fisica e non a quella tecnica, tattica e mentale”

Come viva il momento la squadra
“C’è chi parla molto prima delle gare e chi invece si chiude. Ma io vedo delle situazioni giuste e corrette. Vedo concentrazione e motivazione”

Differenze con il pre-Lazio
“Non ci sono differenze con la vigilia di Roma. È stato facile far capire alla squadra che settimana ci aspettava”

Milan la migliore delle peggiori?
“Ho letto questa frase e non mi era piaciuto, ma fa niente. C’è qualcuno che critica ancora Ancelotti, quindi è permesso tutto…”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coppa Italia di Serie C: avanti Foggia, Virtus Entella, L.R. Vicenza e Juventus Next Gen