Juventus, ecco perchè Paredes è un colpo di mercato eccellente

Pubblicato il autore: andrea terreni


Leandro Paredes ha voluto fortemente la Juventus e alla fine riuscirà a vestire i colori bianconeri. La sua presenza nello scacchiere tattico di Massimiliano Allegri va a colmare quella lacuna alla voce regista che esisteva dai tempi dell’addio di Pjanic e del mancato inserimento di Arthur. Il brasiliano infatti, che la Juventus sta disperatamente cercando di piazzare in uscita, è il vero flop di queste ultime stagioni di calciomercato. Paredes e Juventus è un binomio destinato a funzionare, non solo per l’assoluto valore dell’argentino del PSG ma anche per l’influenza positiva che il suo inserimento avrà su altri nuovi compagni e sulla squadra in toto.

Paredes in regia del film Juventus. Allegri ha il nuovo play

LOCATELLI. Il primo che avrà dei grandi benefici dall’arrivo alla Juventus di Paredes sarà senza dubbio Manuel Locatelli che troverà un ruolo simile a quello che ricopre anche in nazionale e cioè quello di mezzala vicino ad un vero regista. In questo modo per lui meno compiti di dettare ritmo e tempi e più possibilità di sganciarsi in inserimento. Assieme all’argentino e al rientrante Pogba formerà un centrocampo di grande qualità e forza fisica.

Leggi anche:  Il calciatore più anziano della storia torna in Europa: ecco dove

4-3-3 / 4-2-3-1. Dal punto di vista tattico la presenza di un regista bravo anche in fase d’interdizione offrirà ad Allegri anche la doppia variante tattica del centrocampo a 3 oppure a 2 con l’aggiunta di un trequartista centrale per un’assetto più offensivo.

DI MARIA. L’asse Paredes-Di Maria si ricomporrà alla Juventus dopo gli anni al PSG e nella nazionale argentina. Il duo sudamericano garantisce al centrocampo bianconero un mix di fisicità, tecnica e imprevedibilità che sono mancate abbastanza nella scorsa stagione.

Il colpo Paredes per la Juventus è destinato ad essere la ciliegina sulla torta di un calciomercato che ha regalato ai tifosi bianconeri anche gli acquisti di Paul Pogba, Angel Di Maria, Bremer e Arkadius Milik.

  •   
  •  
  •  
  •