Intervista esclusiva a Sabatino Durante: “L’Inter non prenderà Gudmundsson e Bento, ti dico la mia su Allegri e Thiago Motta. Sugli Europei…”

L'esperto Sabatino Durante ci ha parlato, come suo solito senza peli sulla lingua, del mercato dell'Inter, degli allenatori della Juventus e di quelli in orbita Napoli. In più ha pronosticato nel dettaglio l'andamento dei prossimi Campionati Europei.

Nelle ultime ore abbiamo raggiunto telefonicamente Sabatino Durante, tornato da poco da uno dei suoi viaggi di lavoro in Sudamerica.

Con lui, grande conoscitore di calcio e re del mercato dell’America Latina, abbiamo fatto il punto sui temi principali che riguardano la nostra Serie A (a livello di trattative di calciomercato) e gli Europei ormai alle porte.

Sabatino Durante, fin dove pensi che possa arrivare l’Italia in questi Europei del 2024?

Non abbiamo in squadra il Totti, Baggio, Maldini di turno (ci metto anche Materazzi, uno degli artefici del Mondiale vinto nel 2006, con 2 suoi goal).

Non abbiamo, insomma, un fuoriclasse (a meno che non torni Chiesa al massimo della forma), ma siamo una squadra equilibrata in tutti i reparti, con Scamacca che può essere decisivo davanti. Un team che, se trova la quadra e fa gruppo, può fare bene, anche se non ha chance di vittoria finale.

Dico che arriveremo nei quarti di finale.

Qual è, allora, la squadra da battere di questa competizione?

La più forte sulla carta è la Francia. Lo era pure all’ultimo Mondiale, ma infortuni o assenti dell’ultimo minuto non l’hanno aiutata. E poi non sempre la squadra più forte vince.

L’Inghilterra può contare spesso su grandi eccellenze, ma poi non alza trofei, anche se con Spagna e Germania rappresentano le altre candidate a vincere la manifestazione.

Se mi permetti, ti dico anche la potenziale sorpresa del torneo: la Turchia. Di certo non può vincere l’Europeo, ma c’è euforia nell’ambiente ed è una Nazionale cresciuta molto come organizzazione e gioco. Quindi può fare bene, avendo anche qualche singolo interessante.

Chi sarà il giocatore sorpresa dell'Italia? E quello dell'Europeo?

Non vedo grandi sorprese, nel senso che i nomi dei giocatori più forti li conosciamo già tutti.

Ti posso nominare Scamacca per l’Italia, perché prometteva tanto, poi s’è perso anche a causa degli infortuni ed ora sembra recuperato. Se, ad esempio, ti dicessi che Bastoni farà un grande Europeo, dove sarebbe la sorpresa? Lo sappiamo tutti che è forte.

Uscendo dall’Italia, ti dico Foden e Bellingham che però non rappresenterebbero (nemmeno loro!) delle sorprese.

Quale può essere allora la finale di Germania 2024: Francia contro?

Giancarlo, aiutami col tabellone (lo guarda, ndr). Dico Francia-Spagna, perché l’Inghilterra incontrerebbe presumibilmente i francesi già in semifinale (riflessione simile a quella che ci ha rilasciato il celebre giornalista di Repubblica e Sky Paolo Condò).

Veniamo alla Serie A ed al mercato degli allenatori. Gasperini, Conte, Pioli o Italiano per il Napoli e perché?

Entrare nella testa di De Laurentiis è difficile, va spesso a cercarsi guai. Conte e Gasperini li lascerei stare.

Il secondo è stato vicino al Napoli, prima di finire all’Inter qualche anno fa. Per quale motivo dovrebbe andare ora nella squadra campana, che non ha strutture e che al massimo farà la Conference? L’Atalanta farà la Champions League ed in società c’è un certo Percassi, uomo davvero competente.

Conte andrebbe al Napoli solo come ripiego, se non ha altro di meglio ed ha un carattere particolare. Vuole i suoi giocatori, che siano adatti alla sua idea di calcio, mentre a Napoli comanda solo De Laurentiis.

Per questo ti dico che devono prendere un allenatore che veda il Napoli come un qualcosa di rappresentativo per la propria crescita professionale. Può essere Italiano, ma Pioli è il migliore, non in assoluto, bensì per questa società. E poi è pacifico, filo societario.

De Laurentiis scelga una donzella e non Miss Mondo. Individui un allenatore adatto per il suo target, come era Rudi Garcia, che ha sbagliato alla grande in questa stagione a mandare via.

Ti risulta un’operazione Gudmundsson per l’Inter, in stile di quella per Frattesi dello scorso anno, in prestito con obbligo di riscatto?

L’obbligo di riscatto in questo caso sarebbe rappresentato da una cifra piuttosto elevata, quindi il percorso sarebbe più complicato.

Io penso che l’Inter debba rimanere con questi due attaccanti titolari; se vuole vendere qualcosa lo deve fare in altri ruoli. Terrei anche Arnautovic che, al di là degli gli infortuni, la sua parte la fa in campo e anche nello spogliatoio. In più hanno preso Taremi che è un ottimo giocatore; al massimo aggiungerei al reparto avanzato un giovane di prospettiva.

Per questo ti dico che giocatori accostati all’Inter, come Gudmundsson e Bento (che è un grandissimo portiere, ma che costa più di 20 milioni e che farebbe panchina il primo anno), non verranno a Milano. Ausilio e Marotta hanno una filosofia diversa. Basta guardare Onana a 0, Sommer quasi a 0 e Thuram a 0.

Come giudichi l’esonero di Allegri e se ci puoi confermare l’arrivo di Thiago Motta per la Juventus del prossimo anno?

Allegri ha sbagliato perché è uscito fuori dal seminato. Ma non dobbiamo dimenticarci che l’anno scorso ha subito i mille problemi societari. I punti gli son stati tolti per colpa della società e non sua; per un anno e mezzo si è messo la squadra ed i giocatori, da solo, sopra le spalle. Con Giuntoli non si sono mai presi.

Ti dico che io ho non mai legato in carriera con Allegri (sono stati insieme nel Perugia, ndr), ma l’ho sempre stimato come allenatore. A gennaio, te lo do per certo, ha chiesto un giocatore di qualità in mezzo al campo.

Dal momento che in difesa non ha nessuno con i piedi buoni, né fenomeni di centrocampisti pensanti, è diventato per lui difficile mettere tre attaccanti insieme nelle varie gare della stagione.

Gli hanno chiesto la qualificazione in Champions e la Coppa Italia e l’ha ottenute. Nonostante volesse un centrocampista esperto e di qualità, gli hanno comprato invece un giovane argentino (Alcaraz, ndr), buono magari tra due anni. Gli hanno insomma reso difficilissimo il lavoro.

Ti faccio una battuta: con un buon avvocato la Juve dovrà pagare i danni ad Allegri, non viceversa. Ti confermo che non sono mai stato un tifoso di Allegri e, nonostante questo, ti dico che è il meno colpevole nella Juventus.

Arriverà Thiago Motta che ha fatto benissimo quest’anno, ma è stato aiutato da un uomo paziente, bravo e certosino come Sartori. Vediamo come si troverà con altri dirigenti. Motta ha fatto molto bene anche a La Spezia, ma quest’anno è un’altra cosa perché con Sartori farebbe bene chiunque (basta guardare anche le esperienze con Chievo ed Atalanta). Con altri dirigenti ed altre pressioni, per Thiago Motta potrebbe essere più difficile lavorare.