Pjanic torna con il Torino, Allegri recupera il regista per la Coppa Italia

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
pjanic

Pjanic torna con il Torino in Coppa Italia

Pjanic pronto per il Torino. La sua assenza con il Verona si è sentita eccome. Miralem Pjanic però è pronto per tornare il campo, già mercoledì in Coppa Italia. Il bosniaco non aveva giocato contro il Verona. L’ex romanista ormai è una pedina insostituibile per Allegri. Al Bentegodi infatti il tecnico bianconero ha cambiato addirittura sistema di gioco durante l’intervallo. La Juventus aveva cominciato con il 4-3-3. Nonostante il vantaggio firmato Matuidi i bianconeri non erano messi bene in campo come al solito. A fine primo tempo Allegri ha tolto Bentancur ed ha inserito Bernardeschi, passando al “vecchio” 4-2-3-1. Nonostante il cambio è arrivato il gol del pareggio di Caceres, prima dello show finale di Dybala. Bentancur ha offerto spesso buone prestazioni, ma sempre in un centrocampo a due. L’uruguaiano è ancora troppo acerbo per dirigere una linea a tre. Pjanic indispensabile per questa Juventus.

Il bosniaco è forse l’unico giocatore insostituibile della squadra di Allegri. Sono in tanti a poter giocare nel suo ruolo, ma nessuna ha la qualità delle sue giocate. Pjanic è molto importante anche sui calci piazzati, come ha confermato ancora una volta anche con il Bologna. L’ex romanista dunque ora può tornare a prendere in mano la bacchetta da direttore d’orchestra della truppa juventina. Derby di Coppa Italia con il Torinoe trasferta con il Cagliari prima della sosta di campionato. Pjanic c’è, Allegri tira un sospiro di sollievo.

Pjanic torna con il Torino, Emre Can sarà il suo alter ego?

Come detto nella rosa della Juventus non c’è una vera e propria alternativa di Miralem Pjanic. Bentancur è acerbo, mentre Marchisio sembra ormai restituito definitivamente al suo ruolo naturale di mezzala. Il mercato di gennaio, o quello di giugno, potrebbe regalare ad Allegri l’alter ego del talentuoso bosniaco. Il nome è quello di Emre Can del Liverpool. Il tedesco di origine turca è in scadenza di contratto il prossimo giugno. La Juventus sta pensando ad un colpo a zero, ma l’arrivo dell’ex Bayer Leverkusen potrebbe concretizzarsi anche nella sessione invernale.

Classe ’94, 186 centimetri per 80 chili, fisicamente e non solo condivide molte cose con Sami Khedira, di cui per alcuni aspetti sarà un erede. Come Khedira, ha doppia nazionalità: tedesco-turca Can, tedesco-tunisina l’attuale giocatore della Juve. Ha una struttura fisica importante, come pure una certa tendenza all’infortunio, anche se meno cronica. Rispetto a Khedira, però, ha caratteristiche diverse. Meno propenso allo sganciamento offensivo: nonostante nelle giovanili del Bayern Monaco fosse stato impostato come mezzala, negli anni successivi è diventato un eccellente mediano davanti alla difesa, capace di alternare buone qualità in cabina di regia a una altrettanto buona fase difensiva. La duttilità, però, resta il suo forte: sia al Liverpool che in nazionale ha giocato spesso e volentieri da terzino destro. Un giocatore come lui potrebbe segnare di più. Sono 24 le reti segnate in 243 partite disputate in carriera. Ma la Juventus ha già tanti altri giocatori che garantiscono tanti gol. Gennaio, al massimo giugno. Emre Can-Juventus, un matrimonio che s’avrà da farsi.

  •   
  •  
  •  
  •