Niang e Suso, se fossero loro i “nuovi” acquisti del Milan?

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Niang e Suso, autori di una buona prova alla prima uscita stagionale del Milan contro il Bordeaux, hanno voglia di riscattarsi e di rilanciarsi nel club che li ha portati in Italia.

Niang e Suso

Niang e Suso (in foto) hanno voglia di riscatto

 Niang e Suso, stagione nuova vita nuova verrebbe da dire, eppure mai titolo è più azzeccato per i due giocatori rossoneri che hanno voglia di riscattarsi dopo l’ultima stagione che, per un motivo o per un altro, li ha visti protagonisti ma non con continuità.
M’Baye Niang, infatti, è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante quando sulla panchina rossonera sedeva ancora Sinisa Mihajlovic, salvo fermarsi a causa di un’incidente stradale, avvenuto nel dopo gara contro il Torino, che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco fino a fine stagione; Suso, invece, arrivato a Milanello a parametro zero dal Liverpool, non ha mai avuto una vera occasione per potersi mettere in mostra, almeno fino allo scorso gennaio quando a rilanciarlo è stato Gasperini con il suo Genoa.

Leggi anche:  Dove vedere Lazio Sassuolo: streaming e diretta tv Sky o DAZN?

Niang e Suso, giovani e di talento.

I due ragazzi hanno dalla loro parte l’età, in quanto il francese è un classe 94 mentre il centrocampista spagnolo è del 93, quindi sono ancora in tempo  per consacrarsi definitivamente. L’estro c’è nei piedi di entrambi e considerando il tipo di gioco che Montella ha in mente per il suo Milan, potrebbero essere davvero i “nuovi” acquisti della squadra rossonera senza, tuttavia, dimenticare che c’è ancora bisogno di altri innesti di qualità.
Di Niang ha già parlato in settimana anche Vincenzo Montella ritenendo l’attaccante un elemento dal valore assoluto e il primo riscontro da parte del ragazzo non è tardato ad arrivare, infatti, contro il Bordeaux, Niang ha dato vita ad una buona partita anche se ha peccato di cattiveria sotto porta in più occasioni. Il giovane attaccante, intervistato a fine partita ha dichiarato di voler restare al Milan e di sapere cosa fare per diventare un campione, anche grazie ai consigli del nuovo mister che gli ha trasmesso grande fiducia sin dal primo allenamento.

Leggi anche:  Dove vedere Lazio-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

 

Tra Niang e Suso lo spagnolo è stato il mattatore del match

Il man of the match della serata di Bordeaux è stato senza dubbio Suso; l’ex giocatore del Liverpool ha aperto e chiuso il match con una doppietta realizzata in soli 45 minuti di gioco, minuti nei quali ha regalato ai presenti anche spunti di qualità che fanno ben sperare per il futuro con la speranza di essersi guadagnato quella chance che a Milano non ha ancora avuto. Nel frattempo il Milan ha già le sue prime certezze, oltre la prima vittoria alla prima uscita stagionale,  Niang e Suso vogliono essere il presente e il futuro della Milano rossonera. Il percorso è ancora lungo e c’è ancora tanto lavoro da fare ma di solito il buon giorno si vede dal mattino.

Leggi anche:  Milan-Atalanta 0-3: rigore Atalanta e proteste Milan. Ecco la Moviola

 

  •   
  •  
  •  
  •