Infortuni Milan: Kalinic in recupero per il Crotone, Abate ancora out

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui


Infortuni Milan, Kalinic in recupero.
Dopo la pausa per capodanno Milanello ha riaperto oggi i battenti. Gli uomini di Gattuso si sono allenati nel centro sportivo rossonero in vista del match di campionato contro il Crotone. Dopo la seduta di allenamento il  dottor Mazzoni ha fatto il punto della situazione dell’infermeria milanista. “Le migliori notizie per gli infortuni traumatici le abbiamo da Nikola Kalinic: ha riportato un forte trauma contusivo, ma lo sta smaltendo e contiamo di averlo a disposizione per gli allenamenti di questa settimana”. Quindi il centravanti croato potrebbe essere a disposizione per sabato, anche solo per la panchina. Più incertezza su Ignazio Abate: Si è avuta una lesione, un vecchio stiramento di primo grado del muscolo soleo del polpaccio. Sta migliorando rapidamente, lo valutiamo giorno per giorno”.

Tempi più lunghi per Marco Storari, infortunatosi nel riscaldamento nel derby di Coppa Italia:Per lui l’infortunio è più serio: c’è una lesione del gemello mediale del polpaccio, in questo momento è difficile fare prognosi a lungo termine e per questo abbiamo deciso di rivalutarlo a fine settimana per avere le idee più chiare”. Probabile quindi che l’ex juventino torni abile e arruolato dopo la sosta per la trasferta di Udine. Fermi anche Josè Mauri e Paletta, sempre più al centro di tante voci di mercato che li portano lontano da Milanello.

Infortuni Milan: Kalinic-Cutrone, dualismo in vista?

Infortuni Milan, dualismo Kalinic-Cutrone? Uno doveva essere il grande colpo in attacco dell’estate di mercato rossonero, l’altro un giovane solo di transito in prima squadra. Mesi dopo i ruoli sembrano essere invertiti. Il derby di Coppa Italia forse ha dato una nuova direzione ai due attaccanti del Milan. Kalinic si è fatto male alla caviglia causa dell’entrataccia di Skriniar. Uno stop che gli ha anche impedito di scendere in campo da ex contro la Fiorentina. Cutrone è entrato al suo posto e ha deciso la partita. Il giovane Patrick era stato il grande protagonista della calda estate rossonera, poi Montella l’aveva messo in un angolo. Con Gattuso il classe ’98 è tornato a giocare, a segnare e a proporsi per un posto da titolare in attacco.

Tra i due litiganti difficilmente sarà il terzo incomodo a godere. André Silva sembra sempre più avulso dal progetto tecnico rossonero. A Firenze l’ex Porto è entrato molle e poco deciso. Cose che non piacciono né a Gattuso, né a nessun altro allenatore. Intorno al portoghese ci sono tante voci di mercato. André Silva ha diversi estimatori in Inghilterra e Spagna. Dopo questi mesi deludenti al Milan sarà difficile trovare qualcuno che spenda i 38 milioni di euro sborsati dai rossoneri per portarlo in Italia. Dopo Calhanoglu, in crescita nelle ultime uscite, Gattuso ha il dovere di provare a recuperare anche André Silva, così come Biglia. Anche l’argentino è sembrato la controfigura di sé stesso al Milan. Ringhio ha bisogno che questi giocatori si ritrovino. Altrimenti si dovrà provvedere in altro modo. D’inverno, come d’estate, le strade del calciomercato sono sempre infinite.

  •   
  •  
  •  
  •