Juventus, Allegri: “Il rigore? Doveva tirarlo Dybala ma Higuain… Tra 15 giorni sapremo se Bernardeschi si opera”

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

TURIN, ITALY - SEPTEMBER 09: Massimiliano Allegri head coach of Juventus FC looks on during the Serie A match between Juventus and AC Chievo Verona on September 9, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images) Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato in conferenza stampa al termine della partita vinta per 2-0 contro l’Udinese. Tanti gli argomenti trattati: dall’importanza della vittoria contro la formazione di Oddo, per arrivare al calcio di rigore fallito da Higuain e le condizioni di Bernardeschi. “La Juventus sta facendo un campionato importante, se non avessimo trovato il Napoli davanti avremmo già vinto il campionato e lo stesso possono dire i partenopei. A parte Genova e i rigori sbagliati la Juventus ha sempre avuto continuità – spiega Allegri . – Infortuni? Cuadrado ieri è andato in Germania e speriamo possa essere nuovamente abile e arruolabile nel giro di poco tempo. Bernardeschi domani inizierà un periodo di dieci-quindici giorni per vedere se non avrà bisogno dell’operazione, lui ha un problema contusivo mentre Cuadrado ha un problema di natura pubalgica. Preoccupato? No, se sono a disposizione bene altrimenti ne faremo a meno anche perché soluzioni ci sono: da Mandzukic esterno ad Alex Sandro alto, oltre a Douglas Costa a destra. Lo scudetto si deciderà nelle ultime quattro giornate, da oggi siamo matematicamente in Champions League“.

Leggi anche:  Probabili formazioni Milan Fiorentina: rossoneri che faranno ancora a meno di Ibra

A tenere banco il terzo errore dal dischetto stagionale in campionato (i primi due di Dybala contro Atalanta e Lazio ed entrambi decisivi ai fini del risultato), il quarto se si conta anche la Champions League. A fallire il penalty anche stavolta Il Pipita Higuain, dopo l’errore indolore (ai fini della qualificazione ai quarti di finale) contro il Tottenham, nella gara d’andata allo Stadium. Allegri spiega con serenità la situazione: “Ci sono le annate così. Ne aveva sbagliati due Dybala e ora ne ha sbagliati due Higuain. Avevo chiesto a Dybala di tirarlo ma poi non mi sono messo in mezzo. Poi Gonzalo si è rifatto dando una bella palla a Dybala. Il rigore è un terno al lotto, anche i più bravi possono sbagliare“.

Leggi anche:  Morte Maradona, la poesia di Federico Buffa: "Uno così non può ricapitare mai più" (TESTO e VIDEO)

Vittoria in discesa, grazie alle giocate e alla straordinaria doppietta di Paulo Dybala: il numero dieci argentino con questi gol è salito a quota 17 in campionato ed ha chiuso in maniera strepitosa sette giorni nei quali ha realizzato quattro gol (tutti decisivi) in tre partite. Ma mercoledì si torna in campo, contro l’Atalanta e sempre all’Allianz Stadium nel recupero della ventiseiesima giornata. Allegri ha già nel mirino la sfida con gli orobici allenati da Gasperini: “La forza di questa squadra è non sottovalutare mai nessuno ed avere sempre un grande rispetto degli avversari. Ora ci riposiamo e poi mercoledì riattacchiamo la spina per la gara con l’Atalanta. I ragazzi oggi hanno fatto una bella partita: loro non venivano a prenderci e quindi potevamo continuare a palleggiare, sono molto contento sotto l’aspetto tecnico“. Buona anche la prestazione di Marchisio nel ruolo di regista al posto di Miralem Pjanic, oggi lasciato in panchina da Allegri visto il tour de force che molti calciatori bianconeri hanno sostenuto fin qui: “Lui (Marchisio, ndr) ha sempre giocato in questa maniera da quando sono arrivato. Ha fatto più volte il centrale davanti alla difesa che la mezzala e anche oggi ha fatto una buona gara“.

  •   
  •  
  •  
  •