Juventus-Milan, da Massa a Massa: la squadra arbitrale non rovini il duello Allegri-Gattuso

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
MILAN, ITALY - DECEMBER 27: The scoreboard shows the use of the new VAR system during the TIM Cup match between AC Milan and FC Internazionale at Stadio Giuseppe Meazza on December 27, 2017 in Milan, Italy.

(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Juventus-Milan, alta tensione all’Allianz Stadium. Il mio miglior nemico, questo può essere il titolo migliore per la sfida di questa sera tra bianconeri e rossoneri. Il ritorno di Leonardo Bonucci da avversario a Torino, così come lo scontro in panchina tra Max Allegri e Rino Gattuso. Il capitano milanista giocherà, dopo 7 anni, per la prima volta da avversario contro la Juventus. I due allenatori hanno un lungo vissuto comune. Compagni di squadra al Perugia, insieme al Milan e ora di fronte come tecnici. I due hanno avuto anche dei litigi, ai tempi di Milanello, ma ora c’è grande stima e rispetto reciproco. Ci sono tutti gli ingredienti per assistere ad una grande partita. Protagonista sarà anche la squadra arbitrale. L’arbitro della contesa sarà Mazzoleni, coadiuvato al Var da Massa. Quest’ultimo è stato uno degli attori principali dei match giocati tra Juventus e Milan nella passata stagione.

Leggi anche:  Gasperini pre Atalanta-Crotone: "Obiettivo continuità. Sulle condizioni di Zapata..."

All’andata era arbitro principale e, consigliato da Rizzoli, annullò un gol a Pjanic sullo 0-0. Le immagini televisive chiarirono che il gol era regolare, poi vinse il Milan per 1-0 con gol di Locatelli. Non contento al ritorno, in veste di addizionale, Massa regala un rigore quanto meno dubbio alla Juventus. All’ultimo minuto di gara Lichtsteiner crossa dal fondo, De Sciglio da distanza ravvicinata intercetta con la mano dopo che il pallone gli è sbattuto sulla coscia. Dybala segna il penalty, la Juventus e scoppia la furia rossonera. In campo molti giocatori protestano. La rabbia milanista si protrae negli spogliatoi, dove alcuni giocatori rossoneri avrebbero poi imbrattati i muri con scritte ingiuriose. Fatti di cui però non si sono mai avute prove certe. In questa stagione c’è il Var a dare una mano, una grossa mano agli arbitri. Massa cerchi di non fare danni, almeno stavolta.

Leggi anche:  Milan, Pioli verso l'Udinese: "Leao e Rebic sono pronti"

Dal gol di Muntari a Massa, Juventus-Milan è sempre al veleno

Juventus-Milan, match sempre al veleno. Da quella sera tante cose sono cambiate. 26 febbraio 2012, il Milan di Allegri sta vincendo per 1-0 contro la Juventus di Antonio Conte. Muntari segna il raddoppio, tutti esultano. Tagliavento e l’assistente Romagnoli non concedono il gol. I bianconeri pareggeranno con Matri e vinceranno poi il primo dei 6 scudetti consecutivi vinti nelle ultime stagioni. La stagione successiva sono stati introdotti gli addizionali di porta, poi la gol-line technology, fino al sospirato arrivo del Var. Anni di innovazione per cercare di diminuire gli errori, che comunque ci saranno sempre. Mazzoleni, Massa e gli altri arbitri vivranno un periodo di altissima tensione. Il campionato, sia per la testa che per la coda, entra nel momento decisivo. Nessuno può permettersi di sbagliare, neanche gli arbitri.

Leggi anche:  Juve-Spezia. I numeri della squadra di Vincenzo Italiano

Non sappiamo cosa sarebbe potuto succedere con l’aiuto tecnologico negli scorsi campionati. Sappiamo quello che può succedere in questo. Gli arbitri sfruttino al meglio il Var, vadano a guardare per ogni minimo sospetto di errore. Gli schermi sono lì a posta per aiutarli. Non lo considerino un nemico, ma un prezioso alleato. Così tutti saranno più tranquilli, dai giocatori in campo fino ai tifosi sugli spalti. Scene come quelle finali dell’ultimo Juventus-Milan si possono tranquillamente evitare. Un campionato bello e incerto come non mai non venga rovinato dalla superficialità o dalla presunzione di qualche arbitro restio al progresso. Mazzoleni-Massa, gli esami veri cominciano stasera. E nessuno può essere bocciato, ne va della credibilità di tutto il calcio italiano.

  •   
  •  
  •  
  •