Biglia fuori, che tegola per Gattuso: ora è ballottaggio Locatelli-Montolivo

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
MILAN, ITALY - JANUARY 06: The players of the AC Milan celebrate a victory at the end of the serie A match between AC Milan and FC Crotone at Stadio Giuseppe Meazza on January 6, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Biglia, il comunicato rossonero. “AC Milan comunica che Lucas Biglia, a seguito di uno scontro di gioco durante Milan-Benevento di sabato sera a San Siro, ha riportato un forte trauma lombare. Il giocatore è stato sottoposto ad accertamenti che hanno evidenziato la frattura dei processi trasversi delle prime due vertebre lombari. Nei prossimi giorni, completate tutte le valutazioni del caso, potrà essere formulata una prognosi dettagliata”. Non solo Juventus-Milan, ora anche il Mondiale è a rischio per l’ex Lazio. In casa rossonera ora si apre un vero e proprio ballottaggio per la sostituzione dell’argentino. Manuel Locatelli e Riccardo Montolivo si contenderanno un posto da titolare. Oggi come oggi sembra in vantaggio il giovane canterano, ma l’ex capitano potrebbe tornare utile anche in ottica 9 maggio. Quasi impossibile che ci sia Biglia in quell’occasione, un’altra difficoltà oltre al valore dell’avversar: la Juventus sei volte campione d’Italia di Max Allegri.

Infortunio Biglia, tegola per Gattuso

Infortunio Biglia, Milan in ansia per l’argentino. Una serata davvero storta. Non solo i rossoneri sono stati sconfitti dal Benevento, ma Gattuso rischia di perdere per un po’ di tempo Lucas Biglia. L’argentino è uscito nel secondo tempo per un forte colpo alla schiena, accusato in un contrasto a centrocampo. Una botta molto forte che, secondo le prime indiscrezioni, potrebbe mettere a rischio la presenza dell’argentino per la finale di Coppa Italia. Il 9 maggio si gioca Juventus-Milan all’Olimpico, una partita che diventa sempre più importante per i rossoneri. Lo stop con il Benevento ha messo in pericolo il sesto posto e quindi la qualificazione alla prossima Europa League. Vincendo la Coppa Italia la qualificazione sarebbe automatica, ma l’ostacolo è il più duro. La Juventus ha vinto tre Coppa Italia consecutive, una anche contro il Milan in finale.

Infortunio Biglia, possibile tegola per Gattuso. Lo stop, corto o lungo che sia, per il regista argentino può essere un vero e proprio rebus per Gattuso. Biglia è stato il leader indiscusso del centrocampo rossonero, relegando alla panchina costante sia Montolivo che Locatelli. I due ora potrebbero tornare prepotentemente in corsa per un posto da titolare. Non solo contro Bologna e Verona, ma anche per il match contro la Juventus. Nelle ultime apparizioni del Milan c’è stato qualche scampolo per Locatelli. Il centrocampista classe ’98 ha vissuto una stagione piuttosto difficile. Il canterano milanista è richiesto da diverse squadre di serie A, che lo vorrebbero in prestito per la prossima stagione. Ora c’è un finale di campionato per dimostrare di essere da Milan. Sempre che per Gattuso gliene dia la possibilità.

Infortunio Biglia, il Milan è senza benzina

Infortunio Biglia, Gattuso senza benzina. Un colpo in partita può sempre capitare. Ma Biglia era apparso non nella sua serata migliore con il Benevento. L’argentino aveva sbagliato diversi passaggi, ricevendo anche qualche fischio dal pubblico. Già contro il Torino Biglia era uscito per un colpo al ginocchio. Forse sarebbe stato il caso di farlo riposare, anche perché il 32enne ex laziale tira la carretta da inizio stagione. Così come tanti titolari del Milan, che sono arrivati spremuti alla meta. Suso e Calhanoglu sono in calo, così come Bonaventura. Tutti i giocatori a cui Gattuso chiede tanto, forse troppo, dal punto di vista fisico. Un calcio, quello di Ringhio, che richiede un’ottima condizione fisica. Calata quella, sono venuti meno anche i risultati.

Infortunio Biglia, il Milan ha bisogno di più qualità. Non solo sudore, fatica e abnegazione. Il calcio è fatto anche di tecnica, qualità e talento. Chi meglio di Gattuso può saperlo, visto che ha militato in una squadra che traboccava talento da tutti i pori. Il tecnico rossonero ha avuto il merito di dare un’identità ben precisa alla squadra. Ma poi ha avuto il torto di spremere troppo i suoi pretoriani. Possibile, che gente come Antonelli, Mauri, Locatelli e qualche talento della primavera non possa essere preso in considerazione neanche per una partita come quella con il Benevento? Una partita che rischia di essere ricordata a lungo a Milanello. Come d’altronde il match di andata, concluso con il beffardo gol del portiere sannita Brignoli.

  •   
  •  
  •  
  •