Pioli, la rivincita del Normal One nel nome di Astori. La Fiorentina sogna l’Europa

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
FLORENCE, ITALY - JANUARY 05: Stefano Pioli manager of AFC Fiorentina gestures during the serie A match between ACF Fiorentina and FC Internazionale at Stadio Artemio Franchi on January 5, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images © scelta da SuperNews )

Pioli, sogni europei in viola. Non era facile, per niente facile tornare un mese dopo a Udine nei luoghi dove si era spenta la vita terrena di Davide Astori. Ma la Fiorentina di questi tempi conosce un solo verbo: vincere. Con quello contro l’Udinese sono cinque i successi consecutivi per i viola. La scomparsa del capitano è stata la scintilla emotiva per un gruppo di giocatori che stava vivendo una stagione anonima. Tutti stanno dando qualcosa in più rispetto al recente passato e ora la Fiorentina è tornata a sognare l’Europa. Gli uomini di Pioli sono a tre punti dal sesto posto, aspettando il recupero del derby Milan-Inter. Qualcosa di difficilmente pensabile fino a qualche settimana fa. 15 punti nelle ultime 5 giornate di campionato, con 8 gol fatti e 1 solo subito. Un rendimento eccellente che molto merito di chi siede in panchina.

Stefano Pioli è un uomo di calcio, un uomo vero ed una brava persona. Non è un caso che i tifosi dell’Inter lo abbiano omaggiato di un striscione di ringraziamento quando è tornato a San Siro. Fatto non banale, visto che Pioli è rimasto solo 5 mesi in nerazzurro. Non era facile accettare la sfida-Fiorentina. Una squadra completamente rinnovata in estate, con tanti giovani e altrettante incognite. Pioli ha lavorato, ha sperimentato e da un mese a questa parte ha trovato la quadratura del cerchio. I risultati si vedono, da lassù starà sorridendo anche Davide. La Fiorentina ora non vuole fermarsi, così come avrebbe voluto il suo capitano.

Pioli, con la Roma la prova verità

Pioli, l’Europa League passa dall’Olimpico. Otto partite per credere in un sogno. La Fiorentina ha di fronte un finale di campionato tutto da vivere,  grazie alle cinque vittorie consecutive arrivate nell’ultimo mese di campionato. I viola hanno visto finalmente risbocciare Giovanni Simeone. Il Cholito ha segnato sia contro il Crotone che a Udine, confermato di essere uscito dal lungo letargo invernale. I gol degli attaccanti sono sempre importanti. Pioli sta ovviando anche alla pesante assenza di Badelj a centrocampo.

Il tecnico viola sta stando fiducia a Dabo, centrocampista di sostanza arrivato nel mercato di gennaio. Una Forentina che ha trovato anche grande solidità difensiva, grazie alla buona intesa Hugo-Pezzella. Buono anche il rendimento di Milenkovic. Tutti giocatori che hanno avuto bisogno di un periodo di rodaggio per integrarsi in un campionato complicato come quello italiano. Pioli ha anche ritrovato un ottimo Saponara. L’ex fantasista di Empoli e Milan è stato uno dei giocatori più colpiti dalla scomparsa di Astori. Il numero 8 viola sta dimostrando quel talento che lo aveva fatto esplodere giovanissimo nell’Empoli. Concretezza, fantasia e cuore, questa la ricetta neanche tanto segreta della Fiorentina che sogna l’Europa League. Lo chef Pioli vuole ancora deliziare i tifosi viola con altre gustose portate. Restano otto tappe per concludere il campionato. Riportare gioia ed entusiasmo a Firenze, Stefano il Normal One la sua sfida l’ha già vinta. Con Astori sempre presente nel cuore e nella mente.

  •   
  •  
  •  
  •