Lazio, Felipe Anderson vicinissimo al West Ham

Pubblicato il autore: Samuele Zagagnoni Segui

Felipe Anderson – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Dopo un mese di trattative serrate, caratterizzate da rifiuti e rilanci continui,  la Lazio e il West Ham sono vicinissime a mettere nero su bianco per la cessione dell’esterno classe 1993 Felipe Anderson al West Ham.
Secondo Tuttomercatoweb le due società avrebbero raggiunto l’accordo sulla base di 40 milioni di parte fissa più 5 milioni di bonus. Già sabato il giocatore dovrebbe recarsi a Londra per sostenere le visite mediche di rito.
Alla luce di quanto detto,  l’avventura del brasiliano in Italia sarebbe da considerarsi ormai  conclusa ed il (bellissimo) goal in contropiede contro l’Inter dovrebbe essere l’ultima perla che il giocatore ha regalato ai tifosi biancocelesti.

Rimane un vero peccato quello di non aver potuto godere di più del talento cristallino che il giocatore ha messo in mostra solo a tratti.
Ad esempio, è difficile dimenticare la stagione 2014 – 2015 in cui  il laterale brasiliano saltava gli avversari come birilli e garantiva alla squadra un gran numero di assist (8) e goal (10).  Un vero fattore per la Serie A, basti pensare al commento di Sinisa Mihajlovic del 6 gennaio 2015 (all’epoca allenatore della Sampdoria) che al termine di una partita contro i biancocelesti disse “Felipe Anderson ha spaccato la partita, sembrava Cristiano Ronaldo”. Realtà dell’epoca che in questi giorni rasenterebbe la blasfemia (per la cronaca in quella partita la Lazio si impose per 3-0 contro la Sampdoria e Felipe Anderon oltre a siglare un goal servì a Parolo e Djordjevic gli assist vincenti).

Leggi anche:  Inter DAZN, tre gare dei nerazzurri in streaming

Nonostante la perdita del talento sia innegabile, la Lazio, da un punto di vista strettamente economico, ottiene il massimo realizzando una grande plusvalenza (pagato 7,5 milioni nell’estate 2013). Non è da sottovalutare, inoltre, che il giocatore nella testa di Inzaghi non è mai stato una prima scelta. Infatti, nella stagione appena conclusa, oltre ai mesi lontano dal campo per l’infortunio agli adduttori,  Felipe Anderson è sceso in campo  in 21 occasioni (nella maggior parte delle volte da subentrato) siglando solamente 4 goal (tutt’altro che Cristiano Ronaldo).
Per questo motivo, il trasferimento  in un campionato più adatto alle sue caratteristiche di corsa in spazi ampi potrebbe agevolare la sua rinascita professionale.
Gli appassionati di calcio ci sperano.

  •   
  •  
  •  
  •