Inter, Skriniar rientra in difesa. Spalletti ritrova il suo baluardo contro il Torino

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
MILAN, ITALY - DECEMBER 03: Milan Skriniar of FC Internazionale Milano in action during the Serie A match between FC Internazionale and AC Chievo Verona at Stadio Giuseppe Meazza on December 3, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Milan Skriniar – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Vietato fallire, è l’imperativo che riecheggia in casa Inter in vista della sfida di domenica sera contro il Torino. Il ko rimediato a Reggio Emilia, contro il Sassuolo, non ha lasciato buone impressioni. La banda guidata da Luciano Spalletti è apparsa inefficace, inconcludente, senza idee, abulica nei suoi uomini migliori e tra gli ultimi arrivati, con il tecnico toscano che ha provato ad attuare un disperato tentativo di giustificare tale sconfitta, puntando il dito sulle disastrose condizioni del terreno di gioco del “Mapei Stadium“, sulla condotta arbitrale decisamente discutibile e sul fatto che in fin dei conti l’Inter abbia perso solo ed esclusivamente a causa di un calcio di rigore.

Motivazioni che non sembrano essere sufficienti per provare a dare una spiegazione su una prestazione scialba e decisamente mediocre da parte di Icardi e compagni. Dopo l’ottima campagna acquisti messa in atto dalla dirigenza nerazzurra e le ambizioni che ne conseguono, dall’Inter ci si attende molto di più, ecco perché la gara contro i granata dovrà fornire risposte convincenti, evidenziando un radicale cambio di rotta.

Leggi anche:  Milan, pronto il rinnovo per Kessie fino al 2026

Un’inversione di tendenza potrà arrivare grazie al ritorno in campo di alcuni suoi uomini migliori, su tutti Milan Skriniar, assente nella prima giornata di campionato. Lo slovacco tornerà a formare con Miranda la coppia centrale di difesa, apportando  sicurezza e  personalità al servizio di tutto il reparto, che in molto occasioni, durante la sfida con il Sassuolo, ha rischiato di sbandare paurosamente. Skriniar nella passata stagione ha disputato tutte le 38 gare di campionato, rappresentando un punto fermo ed insostituibile nello scacchiere tattico di Luciano Spalletti. Altri dati da analizzare riguardano i gol segnati dal difensore slovacco, ossia 4, e le sole due ammonizioni subite, a dimostrazione della sua correttezza in campo e dello stile di gioco alquanto invidiabile.

L’allenatore di Certaldo, inoltre, pare intenzionato a schierare sulla corsia di destra Vrsaljko, giunto durante la sessione di mercato estiva dall’Atletico Madrid, mentre sul fronte opposto, rispetto al match con il Sassuolo, verrà arretrato Asamoah, uno dei pochi a salvarsi dalla disfatta del “Mapei Stadium“. In avanti non è da escludere che Keita venga preferito a Politano, mentre Perisic potrebbe esser schierato dal primo minuto. Nelle vesti di punta centrale è intoccabile Mauro Icardi, mentre Nainggolan sta recuperando dall’infortunio occorsogli durante la preparazione estiva.

Leggi anche:  Ziliani, altro attacco a Cristiano Ronaldo: "Prima ha fatto licenziare Allegri, poi con Sarri e Pirlo..."

In questi giorni, presso il Suning Training Center, in “ninja” ha lavorato con il resto della squadra, ragion per cui Spalletti potrebbe convocarlo al fine di portarlo in panchina e poi, chissà, schierarlo nella ripresa, concedendogli i primi minuti nelle vesti di nerazzurro nella “Scala del Calcio” di San Siro. L’obiettivo principale sarà quello di cancellare la disfatta subita contro gli emiliani, facendo leva sulla voglia di riscatto e su uno Skriniar in più.

  •   
  •  
  •  
  •