Sampdoria-Napoli 3-0: Blucerchiati perfetti in ogni reparto, Quagliarella fa impazzire Marassi

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
GENOA, ITALY - JANUARY 21: Fabio Quagliarella of Sampdoria celebrates after scoring goal 2-0 during the serie A match between UC Sampdoria and ACF Fiorentina at Stadio Luigi Ferraris on January 21, 2018 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Fabio Quagliarella – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Applausi scroscianti per la Sampdoria, protagonista di una gara sublime al cospetto del blasonato Napoli. I doriani,  oltre ad essersi imposti con un perentorio 3-0, hanno evidenziato un’organizzazione di gioco perfetta contro una squadra abituata ad attaccare e che fa della velocità di manovra un’arma pericolosa. I blucerchiati hanno rischiato ben poco, anestetizzando i tentativi offensivi messi in atto da Milik e compagni. Oltre ad un’occasione per Insigne, avvenuta negli istanti iniziali della gara, nel primo tempo non si ricordano ulteriori opportunità che abbiano messo in affanno la retroguardia doriana.

Piuttosto sono stati i padroni di casa ad evidenziare una superiorità a centrocampo ed un Saponara in serata di grazia, in grado di propiziare la rete che ha sbloccato il match, realizzata da Defrel, attraverso un tiro di destro terrificante, all’11’. Di pregevole fattura anche il raddoppio, con Quagliarella in versione uomo assist che ha messo in condizione, sempre Defrel, di mettere a segno la sua prima doppietta in maglia blucerchiata. L’attaccante francese, in poco più di mezz’ora, ha segnato un numero di reti maggiore rispetto a quanto compiuto nell’intera passata stagione tra le fila della Roma, con cui riuscì a realizzare un solo centro, l’11 febbraio scorso, durante la gara di campionato contro il Benevento.

Leggi anche:  Criscitiello duro su Ronaldo: "La strada del tramonto è sempre più vicina. Lukaku invece..."

La Samp è apparsa talmente in forma strabiliante che nulla è cambiato dopo l’ingresso in campo di Ramirez per l’infortunato Saponara, sino ad allora il migliore in campo. Anche nella ripresa, nonostante Ancelotti sia corso ai ripari, mutando gli interpreti nel tridente d’attacco con gli inserimenti di Ounas e Mertens per Insigne e Verdi, i padroni di casa hanno controllato agevolmente il proseguo della gara, senza soffrire particolarmente.

La ciliegina sulla torta, poi, è avvenuta al 75′ quando su assist dalla destra di Bereszynski, Quagliarella ha sfoderato un colpo di tacco geniale, risaltando la sua fantasia e il suo estro, dando vita all’ennesimo capolavoro balistico della sua carriera. Un gol da cineteca, quindi, non festeggiato, però, dal numero 27 blucerchiato in segno di rispetto della sua città e di quella squadra, da lui sempre amata, con la quale vanta un fugace passato da ex.

Leggi anche:  L'avventura di Marcello Lippi all'Atalanta: tra contropiede, terzo posto e la UEFA mancata per un punto

La Samp può, così, godersi tre punti preziosi in vista della sosta. Una vittoria altisonante, materializzatasi in maniera impeccabile. Il tecnico Giampaolo, soddisfatto della performance dei suoi ragazzi, ha così commentato la prestigiosa vittoria conquistata ai danni di una big del nostro torneo: “Dovevamo abbassare il livello di attenzione del Napoli, altrimenti come fai a batterli? Solo che noi abbiamo fatto una partita di grandi contenuti, tattici, tecnici e mentali. Abbiamo saputo anche soffrire, sono contento perché abbiamo dato continuità all’ultima mezz’ora di Udine. Siamo stati abbastanza punzecchiati dalla critica, abbiamo risposto. Sono felice del fatto di non aver subito gol e della qualità degli esordi. I ragazzi hanno dato fondo a tutte le risorse fisiche, nervose. Mi dispiace di aver dovuto fare certi cambi a causa di guai fisici, poi sottolineerei la perla straordinaria di Fabio“.

  •   
  •  
  •  
  •