Formazioni Atalanta-Napoli, Ancelotti insiste sulla coppia Insigne-Mertens. Il Gasp si affida a Rigoni

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Dries Mertens – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Monday night interessantissimo, quello che andrà in scena, questa sera, alle ore 20:30, tra Atalanta e Napoli, gara che chiuderà il quattordicesimo turno di serie A. Match discusso alla vigilia, per quanto concerne i possibili cori che potrebbero essere intonati dalla curva dei tifosi orobici nei confronti dei napoletani a tal punto da condurre alla drastica decisione di sospendere la gara, mette in palio la possibilità per i partenopei di restare sulla scia della Juventus, seppur consapevoli di trovare dinnanzi a loro un’Atalanta combattiva ed indomita.

Gli azzurri giungono a quest’appuntamento da secondi della classe con 29 punti all’attivo. Insigne e compagni sono reduci da sei risultati utili consecutivi in campionato, mentre in trasferta il ruolino di marcia è caratterizzato da quattro successi e due ko, palesando costantemente un atteggiamento propositivo, frutto dell’eccellente lavoro sin qui svolto da Carlo Ancelotti, abile nel ridisegnare la squadra con il 4-4-2 e dando spazio a tutti gli elementi della rosa, applicando un modus operandi diametralmente opposto a quanto compiuto, nel recente passato, dal suo predecessore Maurizio Sarri.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

La Dea, invece, staziona all’undicesimo gradino, a quota 18. I bergamaschi sono reduci dal ko di Empoli, mentre tra le proprie mura amiche vantano tre vittorie, un pareggio e due sconfitte, con l’ultimo trionfo rimediato all'”Atleti Azzurri d’Italia” risalente all’11 novembre scorso, in occasione del roboante 4-1 rifilato ad un’altra nobile del nostro campionato, ossia l’Inter. Gli orobici dovranno fare a meno di Ilicic, squalificato per due giornate, mentre l’ultimo successo casalingo ottenuto al cospetto del Napoli, porta la data del 2 ottobre 2016, quando fu Andrea Petagna a mettere in ginocchio gli azzurri. Il Napoli, invece, ha espugnato per l’ultima volta l'”Atleti Azzurri d’Italia” nella passata stagione, grazie ad un guizzo di Mertens.

Dirottando le attenzioni verso quelle che saranno le possibili scelte di formazione, Gasperini si affiderà, quasi certamente, al modulo 3-4-1-2 con Berisha in porta, linea di difesa composta da Mancini, Palomino e Masiello. Sulle corsie laterali spazio a Hateboer e Gosens, mentre la mediana sarà presidiata da De Roon e Freuler. Emiliano Rigoni agirà da trequartista, pronto a supportare il tandem Gomez-Duvan Zapata.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

Ancelotti, invece, confermerà il collaudato 4-4-2: Ospina tra i pali, Malcuit a destra, Hysaj a sinsitra. Centralmente spazio al duo Maksimovic-Koulibaly. Callejon e Fabian Ruiz agiranno sulle corsie laterali, mentre la mediana sarà occupata da Allan e Hamsik. Il tandem d’attacco sarà formato da Insigne e Mertens, entrambi autori di 7 centri in campionato. L’arbitro designato per dirigere il match è il signor Piero Giacomelli della sezione di Trieste.

  •   
  •  
  •  
  •