Napoli, attacco in difficoltà: caso-Milik per Ancelotti?

Pubblicato il autore: Gaetano Masiello

Napoli, attacco in difficoltà. Il Napoli nell’ultimo turno di campionato giocato al San Paolo contro il Torino non è andato oltre lo 0-0, ma ciò che preoccupa Ancelotti è il problema relativo all’attacco, rimasto a secco nonostante la grande mole di gioco espressa dai partenopei e dalle tante occasioni sprecate dall’attacco azzurro, in particolare il momento negativo dell’attaccante polacco Milik. Il centravanti del Napoli non va a segno in campionato dalla gara giocata al San Paolo contro la Sampdoria (vittoria 3-0 del Napoli), gara che si è giocata il 2 febbraio scorso. Milik sta diventando un caso per il tecnico emiliano?

Milik, tanti errori sotto porta

Tante sono state le occasioni sprecate da Milik nel match di ieri sera contro il Torino, in particolari tre nette palle gol ed una sprecata dal compagno di reparto, Insigne. Nella giornata di oggi il giornale Il Mattino si è espresso così sulla partita di ieri contro gli uomini di Mazzarri: “Non ha senso effettuare un possesso palla del 65 %, e concludere a rete per ben 16 volte rispetto ad una conclusione dei granata, se poi nessuno riesce a trovare la via del gol dopo il bel gioco espresso dalla squadra di Ancelotti. Milik si divora minimo tre occasioni da rete, mentre Insigne un’altra. C’è da sottolineare anche il palo colpito d’Insigne e la gara si è conclusa senza reti come contro la Fiorentina”. Infine il quotidiano si esprime direttamente sul centravanti polacco Milik affermando: “Milik da essere principe del gol, è diventato ranocchio. Non può sprecare delle nitide palle gol davanti al portiere del Torino, Sirigu”. Dunque sta al centravanti polacco smentire le critiche dei giornalisti e ritornare al gol a partire dal match di ritorno contro lo Zurigo in Europa League e dalla gara in campionato in programma domenica sera alle 18 al Tardini di Parma contro la formazione di D’Aversa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Calhanoglu in campo zittisce il pubblico rossonero dopo gli insulti ricevuti