Milan, prova tv per Kessié-Bakayoko: problemi per Gattuso?

Pubblicato il autore: Laurapetringa

Il Milan ottiene una vincita fondamentale per la corsa al quarto posto vincendo una partita sofferta contro la Lazio, ma la gioia lascia presto spazio ai dolori. Al termine della partita non si è parlato d’altro se non del gesto che hanno fatto Bakayoko e Kessie, mostrando la maglia di Acerbi sotto la curva come trofeo. La querelle ha fatto indignare molti, tra cui anche politici, come il sottosegretario con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti: Lo sport è sana competizione, è correttezza e lealtà. Mostrare la maglia di un altro giocatore per sbeffeggiarlo è prima di tutto un gesto stupido, inqualificabile, degno dei valori dello sport e anche della maglia che indossano. Mi auguro che vengano presi i giusti provvedimenti per stigmatizzare quello che è accaduto”. Il tutto fino a spingere il procuratore federale Giuseppe Pecoraro a inviare le immagini del gesto al giudice sportivo per l’applicazione della prova tv.

La diatriba tra i giocatori sui social 

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Inter-Milan: ecco il derby di Milano

La polemica inizia tra i giocatori sui social prima del match, e prosegue dopo il fischio finale. Acerbi scrive su Twitter : “Sui singoli non c’è paragone, siamo più forti e andiamo a San Siro per vincere” e Bakayoko risponde in tono amichevole :  “Ok, ci vediamo sabato”. E’ da li , che Acerbi, in segno di pace e di simpatica sconfitta regala la maglia  a  Bakayoko, il quale però la mostra in segno di trofeo. Acerbi spiega: “ Sono dispiaciuto perché ho scambiato la maglia per mettere fine alla questione, fomentare odio non è sport ma segno di debolezza”.
Bakayoko prosegue poi con una  Instagram story , dove mette la foto della maglia, e una emoji in segno di pace rivolta ad Acerbi. Inoltre porge le sue scuse su Twitter: “Il mio è stato un gesto scherzoso. Non volevo mancare di rispetto a nessuno. Chiedo scusa ad Acerbi se si è sentito offeso”. Così anche Kessié su Instagram : “ Orgoglioso di indossare questa maglia. Di questi tifosi. Di questa società. Le mie scuse più sincere ad Acerbi, volevo semplicemente scherzare, niente di più. Massimo rispetto per tutti. “

La risposta di Gattuso e dell’ AC Milan 

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Roma-Empoli: diretta tv e streaming live

Gattuso in conferenza stampa si è espresso sull’accaduto: “Bisogna chiedere scusa, queste cose non si fanno. Si smanetta troppo e un professionista deve usare meno possibile i social network e concentrarsi a fare un’ora di allenamento in più”. Il Milan è poi uscito con un comunicato stampa ufficiale, in cui ribadisce come gli intenti di Kessié e Bakayoko non fossero in alcun modo denigratori nei confronti di Acerbi.

” AC Milan intende ricostruire i fatti successivi all’incontro della 32ma giornata di campionato fra Milan e Lazio ed esprimere qualche precisazione. E’ consuetudine si avvicinino agli spalti per un ringraziamento finale. Ieri sera Tiémoué Bakayoko ha raggiunto i compagni sotto gli spalti con la maglia di Francesco Acerbi, avendo poco prima sportivamente effettuato lo scambio delle casacche e l’ha mostrata per pochi secondi ( insieme a Franck Kessié)al pubblico nel solo intento di celebrare una vittoria senza finalità di scherno, né intenti aggressivi o anti-sportivi: un’innocente, ingenua risposta allo scambio amichevole di tweets con Acerbi nei giorni che avevano preceduto la gara”.

  •   
  •  
  •  
  •