De Rossi, saranno in 60mila per Roma-Parma: assente Pallotta

Pubblicato il autore: Laurapetringa Segui

Il 26 maggio ci sarà l’addio ufficiale di De Rossi, con Roma – Parma. Saranno circa 60 mila i tifosi che, come riporta il Corriere dello Sport, saranno presenti allo stadio per onorare il Capitano. Ma non è prevista la presenza di James Pallotta. Negli ultimi anni sono solamente tre le occasioni in cui l’Olimpico è stato sold out. Una è stata l’addio di Francesco Totti,  la seconda e la terza per spingere la Roma al successo in Champions contro Barcellona e Liverpool.

La caccia al biglietto ha portato file e qualche problema tecnico, per un ultimo addio che doveva essere ben diverso nei tempi da come ci si aspettava e non concludersi in dieci giorni. Così domenica 26 maggio, la tifoseria romanista di recherà a tifare e salutare Capitan Futuro, il numero 16, solo dopo due anni dall’addio al Capitano Francesco Totti. “Per 18 anni, Daniele e’ stato il cuore pulsante dell’AS Roma” così lo definisce il presidente James Pallotta. Rispetto alla decisione, De Rossi spiega: “La sensazione che si sarebbe potuto andare avanti per uno o due anni c’era, ma sono decisioni che si prendono a livello societario e globalmente: la societa’ e’ divisa in piu’ parti, sono cose che vanno rispettate e non posso uscire diversamente”

Il retroscena

Leggi anche:  Milan-Atalanta, ci sarà l'ex Kjaer sabato contro i nerazzurri? La situazione

Emerge un retroscena sull’addio di De Rossi alla Roma. Il capitano avrebbe avuto in extremis una proposta per continuare a giocare anche la prossima stagione. Una sorta di contratto a gettone da 100mila euro a presenza.
De Rossi 
avrebbe parlato con l’amministratore delegato Guido Fienga:
Se non siete così certi della mia tenuta fisica, potreste pagarmi a presenza. Io sarei anche disponibile a giocare un anno senza stipendio qualora non venissi mai utilizzato”, la proposta in sintesi di De Rossi. Secondo il giocatore, Fienga avrebbe contattato subito il presidente James Pallotta, che ha dato il suo benestare. De Rossi, ma ha apposto un secco no per dignità personale. 

  •   
  •  
  •  
  •