Balotelli: “Sono due mesi che non tocco un pallone: forse non riesco nemmeno più a stopparlo”

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Mario Balotelli e Alessandro Matri hanno intrattenuto il pubblico di Instagram con una diretta sui propri profili social. I due attaccanti sono stati compagni di squadra negli ultimi mesi a Brescia ma, mentre Matri ha annunciato il ritiro dal calcio giocato, Balotelli è in crisi di astinenza da calcio. Alla domanda di Matri che gli ha chiesto come si sentisse senza pallone, Balotelli ha risposto così: “Sono due mesi che non tocco un pallone, senza pallone sono morto, ma se me lo passi ora ho paura di non riuscire nemmeno più a stopparlo.”
Oltre al problema pallone, Supermario ammette tutte le difficoltà affrontate durante questo lockdown: “Mi sono allenato al chiuso, ma ammetto di essere andato anche un po contro la legge: ho corso intorno casa, al parco. Senza tapis roulant non si può fare nulla. Comunque sono migliorato quest’anno: o faccio gol o corro.”
Riguardo le abitudini alimentari e la famiglia, Balotelli ha risposto così: “Non sono ingrassato, per fortuna, ma i primi tre giorni mangiavo solo cartone e pezzi di muro: io non so cucinare. Fortunatamente potevo ordinare qualcosa da fuori. La famiglia? Le ultime due settimane stavo impazzendo, era davvero brutto e pesante stare da solo: mia figlia sta a Napoli, mio figlio a Zurigo, mia madre ha una certa età e i miei fratelli erano in quarantena con i figli.”

  •   
  •  
  •  
  •