“Cristiano Ronaldo non è un campione”: la sentenza dell’allenatore

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui


Non è un periodo facile per Cristiano Ronaldo. Il portoghese di Madeira, seppur tornato al gol su rigore nella sfida di ieri sera contro il Bologna, sta faticando a trovare la condizione migliore da quando la Juventus ha ripreso a giocare dopo la pandemia.
Anche ieri, servito da Dybala per chiudere il match, Ronaldo ha allargato troppo il diagonale a tu per tu contro Skorupski non riuscendo a trafiggere il portiere felsineo. Le difficoltà del portoghese hanno costretto Sarri ad un confronto diretto in allenamento nel quale si sarebbe deciso che CR7 dovrà giocare sempre esterno sinistro, e non più riferimento centrale come accaduto contro il Milan, per esaltarne meglio le caratteristiche. Ieri segnali di ripresa si sono avuti, ma non a sufficienza per giudicare Ronaldo effettivamente tornato sui suoi standard abituali.

Leggi anche:  Probabili formazioni Udinese-Inter: Conte si affida ai titolarissimi, Lasagna in campo?

Del portoghese ha parlato, in diretta a TMW Radio, anche Gigi Cagni ex allenatore, tra le altre, di Brescia ed Empoli, nonché uno dei tecnici più stimati del nostro panorama calcistico. Queste le sue parole:
Cristiano Ronaldo? È un fuoriclasse, non un campione. Nel senso che è fragile mentalmente. È un leader tecnico, non mentale, come un campione dovrebbe invece essere (fa l’esempio di Buffon). Ronaldo può trascinare la squadra tecnicamente, ma in campo non dice nulla. Ripeto: è un fuoriclasse, non un campione. Ha sempre bisogno di essere supportato”.

  •   
  •  
  •  
  •