Dybala-CR7: la Juventus si gode la sua coppia-gol

Pubblicato il autore: Stefano Andrea Pozzo Segui


La premessa è d’obbligo: Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala non sono e mai saranno un problema per la Juventus, ma la considerazione che segue è altrettanto doverosa, il tocco di Maurizio Sarri sembra sempre più evidente con i due attaccanti che sono i maggiori beneficiari.
La squalifica dell’argentino per la gara di domani in scena a San Siro contro il Milan è diventata una notizia ancor più pesante al fronte del fatto che il numero dieci bianconero si sta rivelando un ingranaggio necessario all’interno della ritrovata vena realizzativa dei bianconeri.
In questa settimana cruciale per avvicinarsi al nono scudetto di fila, la Juventus se dovesse battere Milan e Atalanta potrebbe vivere l’attesa dello scontro con la Lazio del 20 Luglio con maggiore tranquillità, ma per farlo, a Milano dovrà fare a meno della coppia denominata dai tifosi “Dybaldo“.

A tal proposito, la mano di Sarri si questa Juventus si inizia a percepire, con le quattro vittorie consecutive in campionato dopo la ripresa del lockdown che hanno allontanato i fantasmi della Coppa Italia e che hanno mostrato una versione dei bianconeri in grado di realizzare 13 gol e subirne solo 2, per una media realizzativa di 3,25 gol a partita.
L’allenatore toscano per raggiungere questa crescita è riuscito a fare qualcosa che neanche Massimiliano Allegri è riuscito a fare, convincere Ronaldo e Dybala a diventare una coppia d’attacco in grado di duettare e cercarsi, senza dare riferimenti alle difese avversarie, e poco importa chi li affianca, con Douglas CostaGonzalo HiguainFederico Bernardeschi che all’occorrenza sono in grado di approfittare di questa ritrovata intesa, con la qualità del gioco bianconero che ne ha beneficiato.
Il peso di questi due giocatori nelle dinamiche offensive della squadra, ha permesso anche di esaltare le qualità dei centrocampisti, che secondo Sarri sono ora in grado di “giocare più compatti“, e questo si nota anche nelle prestazioni di Adrien Rabiot e del resto del centrocampo della Juventus, ma anche nella ritrovata solidità della difesa, che è tornata a subire davvero poco.
I numeri raccontano che nelle partite della Vecchia Signora prima dello stop delle competizioni, i due giocatori erano riusciti ad andare a segno solo una volta all’interno della stessa partita, a Marassi nella vittoria contro la Sampdoria.
Di tutt’altro tenore sono i numeri post-covid, dove nonostante gli errori su calcio di rigore nelle due partite di Coppa Italia con Milan e Napoli, sui 13 gol segnati dai bianconeri 8 sono stati siglati da Cristiano Ronaldo e Dybala.
Ma il motivo che deve far sorridere maggiormente Maurizio Sarri è la voglia di cercarsi e di dialogare che i giocatori hanno ritrovato in queste partite, con Dybala falso nueve in grado di sfruttare gli spazi e la classe di CR7 per trovare la porta con maggiore facilità, e quando ci riesce diventa letale.

Leggi anche:  Mourinho chiama Sergio Ramos, la Roma tenta il colpo

Ora la dirigenza bianconera sembra più ottimista, con un Ronaldo in grado di segnare 25 gol in 26 partite e con Paulo Dybala che sembra aver trovato tutti gli stimoli per confermarsi e dimostrarsi il futuro leader dei bianconeri, Sarri può pensare anche in chiave Champions League dove le concorrenti non hanno una coppia gol che può vantare questi numeri dopo la ripresa delle competizioni.
In questi mesi arriverà anche il rinnovo “a vita” del contratto della Joya, e se questa crescita dovesse continuare così esponenzialmente, l’anno prossimo la Serie A potrebbe dover fare i conti con una coppia gol che potrebbe reindirizzare lo scudetto sulla strada di Torino, ma prima di pensare alla prossima stagione, la coppia Dybala-Cristiano Ronaldo, come il resto dei bianconeri, è concentrata con orizzonte al presente e al finale di una stagione certamente atipica.

Leggi anche:  Clamorso ritorno per la Juve?

LEGGI ANCHE: “Dybala giocatore rinnoverà con la Juventus

  •   
  •  
  •  
  •