Bergamo: un Atalanta-Torino tra rimonte e sportività

Pubblicato il autore: Beatrice Andreello Segui

Si apre così il sabato della 21esima giornata di Serie A: un Torino che recupera, al Gewiss Stadium, una partita che sembrava persa già a metà del primo tempo. Match iniziato non nel migliore dei modi per i granata, che al minuto 22’ si ritrovano già in svantaggio per 3-0: sono i gol firmati Ilicic, Gosens e Muriel a far sembrare i 3 punti vittoria già guadagnati dall’Atalanta. Ma è il Torino stesso a smontare questa fantasia: a fine primo tempo, accorcia le distanze prima con il gol del 3-1 del Capitano Belotti, dettato da una ribattuta sul tiro dal dischetto inizialmente respinto da Gollini, e successivamente con la rete del 3-2, firmatosi Gleison Bremer. Una prova di fiducia, grinta e carattere che porta, dopo vari tentativi inefficaci, tra cui una traversa di Singo, al gol definitivo del pareggio, siglato Bonazzoli, con uno splendido colpo di testa indirizzato all’angolo della porta dove il portiere atalantino non riesce ad arrivare.
“Un’enorme dimostrazione di volontà – dichiara Mister Nicola nel post-partita – che ci conferma di avere le qualità e la possibilità di giocarcela con tutte le squadre del campionato. Non mi sento di fare i complimenti ai singoli, dal momento che i risultati, come quello di oggi, si ottengono in gruppo, e tutti hanno un merito. Siamo riusciti a conquistare 3 punti in 3 partite e adesso la speranza di tutti è quella di riuscire ad andare noi in vantaggio e a vincere le prossime partite”.
Un altro particolare contraddistingue la gara disputatasi a Bergamo: un gesto di sportività del leader torinese che, su un’azione dichiarata fallosa dal direttore di gara con conseguente ammonizione del difensore argentino Romero, confessa di non essere stato toccato dal giocatore atalantino e che quindi non ci sarebbero dovuti essere né il cartellino giallo, né la punizione.
Un comportamento sportivo che conferma la bravura e l’umanità di questo grandissimo giocatore, idolo ed esempio di molti giovani e tifosi granata.

Leggi anche:  Non vince né convince: la Roma di Mourinho perde anche a Bologna
  •   
  •  
  •  
  •