Per Marten De Roon 200 emozioni per un cuore nerazzurro (il bergamasco adottato per eccellenza)

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Il bergamasco adottato per eccellenza. Basterebbe questa semplice frase per descrivere chi è Marten De Roon: un giocatore che ha deciso di sposare la causa nerazzurra fin dal primo giorno in cui ha messo piede a Bergamo. Da quell’estate del 2015 si era capito fin da subito che ci si ritrovava davanti all’erede naturale di un certo Glenn Peter Stromberg. Esagerazione? Paragoni troppo affrettati? No, “Martino” (come lo chiamano i tifosi nerazzurri) sia all’interno del rettangolo di gioco che fuori ha fatto capire quanto per lui l’Atalanta Bergamasca Calcio sia la priorità assoluta, davanti anche a quelli che sono gli obiettivi personali. Contro il Cagliari, dove la Dea è riuscita a vincere la partita al 90′ grazie ad un Muriel semplicemente impeccabile, De Roon ha raggiunto quota 200 presenze con la maglia atalantina: un traguardo non indifferente per un giocatore come lui. Grinta, supporto ai propri compagni di reparto, sacrificio, uomo dai grandi valori e l’obiettivo di uscire dal campo sempre con la maglia sudata. Queste sono le caratteristiche che hanno reso Marten De Roon uno dei giocatori più apprezzati all’interno del mondo Atalanta senza tanti giri di parole, arrivando addirittura a ridursi lo stipendio pur di ritornare alla corte bergamasca dopo un anno passato in Premier League.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan, ecco chi può sostituire Kjaer a gennaio: l'obiettivo di mercato
Tags: