Moggi su Libero: “Nell’occasione nessuna ASL intervenne”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini

Moggi
La 28° giornata di Serie A si è aperta nei giorni scorsi con il rinvio di Inter-Sassuolo, a causa della positività di Handanovic, De Vrij, D’Ambrosio e Vecino. Da questa decisione è scaturita la polemica, in quanto sono bastati tre giocatori per bloccare la partita, quando in altre occasioni si è lasciato giocare. Un esempio su tutti è Inter-Juventus, con i bianconeri costretti a giocare nonostante tre titolari positivi al Covid-19. A tal proposito si è espresso Luciano Moggi nel suo lungo editoriale sul quotidiano Libero.

Moggi: “Perché la Juve a San Siro dovette giocare?”

Tra le righe del suo editoriale, Luciano Moggi, ex dirigente tra le tante della Juventus, ha espresso il suo parere sul rinvio di Inter-Sassuolo. La decisione ha generato un malcontento generale tra i tifosi che si chiedono il perché di tale decisione. Ecco quanto scritto da Moggi polemico: “E adesso la 28^ giornata di campionato che prevede il rinvio della gara Inter-Sassuolo per volontà delle Asl. Causa contagio da Covid dei titolari Handanovic e De Vrij e delle riserve D’Ambrosio e Vecino. Di Fronte a questo ennesimo rinvio la gente non può non interrogarsi sul perché la Juve, priva di ben tre titolari positivi, dovette allora presentarsi a S.Siro contro l’Inter. Nell’occasione nessuna Asl intervenne e l’Inter vinse il Derby d’Italia, alla faccia della regolarità del campionato“.

Leggi anche:  Calciomercato Lecce: rinnovo importantissimo fino al 2027 per il gioiellino del centrocampo

Di chi sarà mai la colpa di quanto sta accadendo nella gestione dei positivi? Moggi delina un punto zero da cui è partito tutto: ” A chi addossare la colpa di tanta confusione? Non ci sono dubbi che la situazione si complicò quando il Napoli non si presentò a Torino, per giocare all’Allianz contro la Juve, perché impedito a partire da un ordine della Asl campana. La Figc applicò allora il regolamento con il 3-0 a tavolino a favore della Juve, difendendone anche il comportamento” ha scritto su Libero.

Però poi, a seguito del ricorso del Napoli, si dimenticò di andare a difendere il protocollo anti Covid davanti al Collegio di Garanzia del Coni che ribaltò completamente la sentenza del giudice sportivo della Figc. Eppure quel protocollo era predisposto dalla Figc e accettato da tutte le società. Da allora il caos, con il protocollo anti-Covid assorbito interamente dalla volontà delle Asl. I risultati li stiamo vedendo e stanno minando la serietà del campionato“.

  •   
  •  
  •  
  •