Esonero Pirlo? La situazione relativa al possibile addio in casa Juve

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui


Problemi in casa Juve. Dopo la sconfitta rimediata per 1-0 contro la sempre più sorprendete Atalanta di Gian Piero Gasperini, la situazione dell’allenatore si fa sempre più complicata. Esonero di Pirlo in arrivo?

Dopo essere stata eliminata agli ottavi dal Porto, la squadra di Pirlo sembra aver abbandonato l’idea dello scudetto e le cose si mettono sempre peggio. Con la vittoria del Milan di Pioli, la Juventus si trova attualmente al 4 posto con 62 punti, scavalcata proprio dall’Atalanta con 64 punti.

Squadra senza idee

 

La sconfitta di quest’oggi ha rimarcato quanto questa Juve sia senza idee ben precise e nei momenti di difficoltà cerca di aggrapparsi sempre alla giocata del campione. Ma quest’oggi il campione non c’era. Ronaldo infatti aveva dato forfait a causa di un lieve infortunio. Palese, ormai, la Ronaldo-dipendenza: senza il portoghese non si vince o si fatica moltissimo. Senza CR7 è una squadra spenta. L’allenatore sembra non essere riuscito a inculcare alla squadra la sua visione e le possibilità di un divorzio dalla Juventus sembrano aumentare.

Leggi anche:  Inter, parla Lukaku: "Abbiamo tutto per aprire un ciclo. Ibra vince per sè"

Prestazione deludente

 

Anche molti singoli hanno deluso quest’oggi: Dybala parso fuori condizione e spento, Morata a intermittenza, Arthur entrato senza grinta e cattiveria, Kulusevski non pervenuto. Unica nota positiva la prestazione di Cuadrado. Il colombiano risulta, come spesso ultimamente, uno dei pochi a provarci e crederci fino all’ultimo.

 

Problematica infortuni

 

Al già citato infortunio di Ronaldo si va a aggiungere quello di Chiesa, uscito al 58′ malconcio e in lacrime.

Si va verso l’esonero di Pirlo?

Ad oggi sembra difficile che Agnelli decida di cambiare allenatore in corsa, soprattutto data la scarsità di alternative sul mercato, ma l’aria che si respira in casa Juventus si fa sempre più pesante. Potrebbe essere l’allenatore il capro espiatorio del fallimento della Juve quest’anno ma anche Paratici e Nedved non navigano in acque serene.

  •   
  •  
  •  
  •