Juve, Toni critica Dybala: “15 milioni? In un momento del genere…”

Pubblicato il autore: Alessandro Vescini Segui

Dybala Juve
Luca Toni, ex attaccante di molte squadre tra cui la Juve, ha parlato della situazione che riguarda il rinnovo di Dybala. L’argentino chiede di essere al centro del progetto bianconero, con un ingaggio da top player. La Vecchia Signora invece non vuole salire sopra il tetto dei 10 milioni. Una distanza che sembra ampiamente colmabile. Ai microfoni di Tuttosport, Toni ha dichiarato esagerate le richieste della Joya: “È chiaro che questo sia il problema principale, però se davvero chiedesse 14-15 milioni di ingaggio in un momento del genere…Questo ragazzo ha un grande potenziale, però non ha mai dimostrato di essere leader della Juventus. Non so se questo dipenda dalla presenza di Ronaldo”.

Dybala più ombre che luci dall’arrivo di Cr7: Toni ha ragione?

Le parole di Toni su Dybala evidenziano le incongruenze del progetto della Juve. La scelta di affidare la maglia numero 10 a Paulo, con tanto di benedizione di Alex Del Piero, sembrava chiarire la volontà dei bianconeri di far diventare l’argentino il presente e il futuro della squadra. Scelta che inizialmente ha giovato. Nella prima stagione da “diez” infatti, Dybala in 33 partite di Serie A aveva segnato 22 goal. L’estate successiva, Paratici decide di acquistare Ronaldo. L’ombra di Cr7 o ti porta sul tetto dei campioni del calcio o ti copre a tal punto da farti scomparire. E a Dybala è proprio successa la seconda ipotesi. Nelle due stagioni successive infatti, Paulo in 63 presenze ha segnato “solo” 16 goal. Troppo pochi per chi ambisce a diventare una leggenda della Juve. Quest’anno poi è un discorso a parte. I continui infortuni non gli hanno permesso di dimostrare il suo valore. E con un rinnovo in scadenza a giugno 2022, la Joya vuole sentire la fiducia della dirigenza bianconera. Ecco il motivo della richiesta di aumento. I milioni che separano le due proposte non sono tanti, resta da capire se prevarrà l’amore di Dybala per la Juve o, come presuppone Toni, la volontà di essere considerato un top player lo porterà a fare la valigie.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Allegri, dietrofront Juve: aspetta il Real Madrid