Juventus, perdita devastante senza la qualificazione Champions: i numeri

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


La qualificazione alla prossima edizione della Uefa Champions League è essenziale, soprattutto da un punto di vista economico.  Dopo le perdite causate dalla pandemia da Covid-19, che ha azzerato fonti di fatturato come la biglietteria e limitato gli utili da player trading, la Juventus non può non qualificarsi.

Juventus, le conseguenze

Senza accedere alla prossima Champions la Juve perderebbe almeno 80 milioni di euro. Tenendo in considerazione che il conto economico dei bianconeri era in difficoltà già prima del Covid, con un costo della rosa nel 2018/19 quasi pari al fatturato operativo (451 milioni il costo di stipendi e ammortamenti su 464 di fatturato), la perdita potrebbe causare qualche problema. La società piemontese avanza con un modello di business nel quale i ricavi della Champions hanno sempre avuto peso fondamentale: tra il 2012 e la stagione in corso, quasi 650 milioni, in media 80 l’anno. Un anno la società è arrivata ad incassare addirittura 110 milioni di euro.

Leggi anche:  Il campione argentino si avvicina al Barcellona e allontana la Juve?

Domani sera, alle ore 18.45, arriva il Napoli allo Stadium. Le due squadre si affrontano per il recupero della discussa gara rinviata lo scorso 4 ottobre. Considerando la posizione in classifica delle due formazioni è una specie di spareggio per la prossima Champions. Juventus-Napoli vale 80 milioni di euro. Una sconfitta costerebbe tanto alla Juve e potrebbe causare anche l’addio immediato ad Andrea Pirlo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: