Lazio, Lotito amaro su Inzaghi: ‘Avevamo parlato per 7 ore’

Pubblicato il autore: Realdo Amadio Segui

Lotito è amareggiato per l’addio di Simone Inzaghi. I due avevano trovato un accordo per il rinnovo del contratto, ma nella notte tra mercoledì e giovedì il mister ha deciso di fare un passo indietro. Il presidente, ai microfoni di calciomercato.com, ha spiegato che non si sarebbe mai aspettato questa decisione dopo sette ore passate insieme al mister a parlare del futuro.

Giovedì mattina, l’allenatore ha infatti confidato al presidente di non aver sentito lo stimolo per continuare la sua avventura sulla panchina biancoceleste per altre tre stagioni. Lotito, che stava in realtà attendendo il mister per la firma definitiva, è rimasto invece gelato da queste parole, accettando amaramente la scelta di Simone Inzaghi. La mossa di Inzaghi è probabilmente figlia di un interessamento da parte dell’Inter, ora orfano di Antonio Conte e alla ricerca di un profilo giusto per la prossima stagione.

Leggi anche:  Eriksen, l'agente racconta: "Christian non molla"

Lotito-Inzaghi, rapporto finito dopo 17 anni

Nella serata di giovedì 27 maggio, la SS Lazio ha comunicato ufficialmente la fine del rapporto con Simone Inzaghi: Rispettiamo il ripensamento di un allenatore e, prima, di un giocatore che per lunghi anni ha legato il suo nome alla famiglia della Lazio e ai tanti successi biancocelesti.

Simone Inzaghi lascia la panchina della Lazio dopo 242 partite ufficiali, in cui ha ottenuto 129 vittorie, 43 pareggi e 70 sconfitte. Non sono mancati i successi: la Lazio ha conquistato una Coppa Italia, battendo in finale l’Atalanta nell’edizione 2018/2019, e ha trionfato per ben due volte in Supercoppa Italiana contro la Juventus (2017 e 2019). Uno dei momenti più belli è stato senz’altro il ritorno della Lazio in Champions League dopo 13 anni, arrivato in seguito ad una splendida cavalcata nella stagione 2019/2020, in cui i biancocelesti per lunghi tratti della stagione hanno duellato con la Juventus per la vittoria dello scudetto.

  •   
  •  
  •  
  •