Lite Piccinini Di Canio, l’ex laziale attacca: “Non capisci niente, vuoi solo i like”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Lite Piccinini Di Canio
Lite Piccinini Di Canio, forte discussione su José Mourinho, nuovo allenatore della Roma. 

La notizia dell’approdo di Mourinho sulla panchina della Roma, ha fomentato l’opinione pubblica e i tifosi giallorossi. Quest’ultimi hanno accolto piacevolmente lo Special One, riaccendendo la speranza di poter vincere qualcosa. La notizia ha anche diviso. Infatti nella notte tra il 16 e il 17 Maggio, negli studi di SkySport, c’è stata una forte lite tra Sandro Piccinini e Paolo Di Canio, ex calciatore della Lazio. In particolar modo quest’ultimo ha attaccato l’ex telecronista, dicendogli più volte che non capisce niente, mettendo in dubbio le sue competenze.

Lite Piccinini Di Canio, l’ex telecronista: “Ogni esonero ha una storia diversa”

Il Club di Fabio Caressa della scorsa sera è stato molto animato, con protagonisti Piccinini e Di Canio. Oggetto della contesa è stato lo Special One. Paolo Di Canio non ha mai visto di buon occhio l’arrivo dell’allenatore portoghese arrivando a dire: “Hanno preso il peggio che c’è in questo momento, poverino“.

Leggi anche:  Tutto fatto: ecco il nuovo allenatore del Tottenham!

L’ex giocatore è ritornato su quanto detto, argomentando il perché delle sue dichiarazioni: “Quando è stato ufficializzato ho ricevuto 300 messaggi da amici in cui c’erano solo urla, non si capiva nulla. Crea tante aspettative, ma poi si deve confermare. Quel mio audio che girava era una cosa tra amici, ma ho detto la verità. Basta informarsi per sapere che è un allenatore che ha sbagliato molto negli ultimi anni. Lui ha vinto tutto con l’Inter ma dieci anni fa. Alcuni miei amici si sentono già il Triplete in tasca“.

Subito l’opposizione di Piccinini, difendendo l’operato degli ultimi anni di Mourinho: “Capisco che non giova a nessuno andare contro Mourinho, ma dire che sta facendo bene è una follia”. “Gli esoneri non sono arrivati per ignominia, ogni esonero ha una storia diversa“, ha ribattuto Piccinini.

Leggi anche:  Eriksen, l'agente racconta: "Christian non molla"

Di Canio, non contento, mette in dubbio l’esperienza e la competenza del noto giornalista: “E’ stato esonerato e tu dici che ha fatto il suo, è fantastico. Capisco che per te è difficile capirlo, ma Mourinho è stato esonerato per un mix terribile: non ha portato risultati e ha rotto con gli spogliatoi. Io so perché lo dici Sandro, io però non punto ai like. Capisco che non hai vissuto gli spogliatoi e certe cose probabilmente non le capisci, ma ti dico che Mourinho non è più quello di una volta“.

Piccinini non ha accettato l’obiezione: Io ho frequentato gli spogliatoi più di te. Ovviamente non da calciatore, ed ho parlato con tanti allenatori, posso capirle certe cose”. Visto che la discussione stava scivolando sul personale, ci ha pensato Fabio Caressa a chiudere la discussione, cambiando drasticamente argomento. Mourinho ancora deve mettere piede a Roma e già infiamma il parterre.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: quale sarà il futuro di Stefano Sensi?

La risposta di Piccinini su Twitter

Una volta che si sono placati gli animi, su Twitter è arrivato il commento del telecronista:

  •   
  •  
  •  
  •