Panoramica sui portieri delle sette sorelle della Serie A

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui


Rispetto alle famose “sette sorelle” degli anni 90′, in serie A la gerarchia è leggermente cambiata. Ad oggi le sette sorelle sono: Napoli, Milan, Inter, Roma, Juve, Atalanta e Lazio. Rispetto agli anni 90′, Atalanta e Napoli hanno sostituito Fiorentina e Parma. Di queste sette squadre al vertice, buona parte hanno delle situazioni molto particolari per quanto riguarda il portiere. I portieri in Serie A potrebbero cambiare rapidamente nei prossimi 12 mesi. 

L’Inter attualmente continua a dare fiducia a Handanovic ma sembrerebbe essersi già cautelata per l’anno prossimo con Onana, in scadenza di contratto con l’Ajax. Radu indeciso se restare a fare il secondo o partire, nuovamente, in prestito.


La Juventus anche non è soddisfatta dalle prestazioni di Szczesny e si è lanciata alla ricerca di un sostituto. I nomi per la sostituzione sono quelli di De Gea, Keylor Navas e Donnarumma. Il secondo portiere, Perin, è in uscita.

Leggi anche:  Video - Greta Beccaglia, giornalista molestata in diretta tv dai tifosi


Pioli, invece, deve fare i conti con gli infortuni. Fuori fino a metà dicembre Maignan, i rossoneri hanno appena acquistato Mirante, fra i più affidabili portieri in Serie A ma con la carta d’identità che parla chiaro: 38 anni. Ballottaggio fra lui e Tatarusanu.


Situazione delicata anche alla Lazio: ad oggi il titolare è Pepe Reina. L’ormai secondo portiere, Strakosha, ha il contratto in scadenza a giugno 2022 e non ha nessuna intenzione di rinnovare. Per lui si è parlato anche di Inter.


Situazione stabile per Mourinho: Rui Patricio titolare fisso.


Sorride anche Gasperini: Musso si è mostrato una certezza e il suo rendimento soddisfa pienamente la società bergamasca.


Continua, invece, il dualismo fra Meret e Ospina. Situazione che, dopo la gestione Gattuso, si rinnova anche con Spalletti. Il portiere colombiano sembra essere il prescelto dell’allenatore mentre Meret sembrerebbe essere quello prescelto dal presidente De Laurentiis (in chiave plusvalenza futura).

  •   
  •  
  •  
  •